FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, la "Bild" scrive una lettera agli italiani: "Siamo con voi"

Nellʼarticolo a tutta pagina lʼeuropeismo sembra però ridursi al folklore che se non è quello antico di "Italia: spaghetti, pizza e mandolino" poco ci manca

E' il quotidiano più venduto in Germania. In questi giorni di confronti serrati tra i governi europei sulla crisi economica e il coronavirus, la "Bild" dedica un paginone all'Italia con una lunga lettera, dal titolo: "Siamo con voi". E' scritta sia in tedesco sia in italiano e le bandiere dei due Paesi campeggiano in alto incrociandosi. Un messaggio che arriva a due giorni dalla missiva inviata da alcuni governatori e sindaci alla "Frankfurter Allgemeine Zeitung" con la richiesta diretta di aiuto. La risposta sembra ora arrivare dal tabloid più letto e popolare tra i tedeschi. Nell'articolo a tutta pagina l'europeismo sembra però ridursi al folklore che se non è quello antico di "Italia: spaghetti, pizza e mandolino" poco ci manca. 

Coronavirus, la "Bild" scrive una lettera all'Italia: "Siamo con voi"

 

“Ci avete aiutato a far ripartire l’economia, siamo con voi”. Nell’articolo bilingue, la Bild scrive “siamo come fratelli” e “ci avete aiutato a far ripartire l’economia”. Un chiaro riferimento all’accordo di Londra del 1953 con il quale 21 Paesi europei, compresa l’Italia, tagliarono il debito tedesco permettendo a Berlino Ovest di ricominciare dopo la Seconda Guerra Mondiale. È probabilmente il passaggio più significativo sotto il profilo politico della scelta della Bild, nella settimana che dovrebbe condurre a un accordo sugli aiuti Ue, con Angela Merkel che finora ha rigettato l’ipotesi coronabond chiesti da Giuseppe Conte insieme a Emmanuel Macron, Pedro Sanchez e altri leader degli Stati dell’Unione.

Peccato che nella lettera le lodi per l'Italia si mischino con forse troppa abilità al folklore. 

"Ci avete aiutato a far ripartire la nostra economia. Ci avete portato cose buone da mangiare. Improvvisamente anche da noi c’erano antipasti, farfalle, tiramisù. Non più solo crauti e patate e polpettone”. I riconoscimenti al nostro Paese suonano quasi come una presa in giro. 

Poi, però, un accorato appello alla fratellanza: "Wir sind wie Bruder, siamo come fratelli. Piangiamo insieme a voi i vostri morti. Vi siamo vicini in questo momento di dolore".

 

Ma ecco che, se da una parte, la lettera è un appello alla vicinanza, dall'altra il valore dell'europeismo sembra ridursi al ricordo delle vacanze estive trascorse ui da milioni di tedeschi negli anni. q

“L’Italia, il paese che è sempre stato nel nostro cuore. Vi venivamo a trovare con il maggiolino, sulla Riviera, a Rimini, poi a Capri, Venezia e in Toscana. Cercavamo il mare azzurro e il profumo dei limoni, canticchiando Umberto Tozzi e Paolo Conte", scrive ancora la "Bild" che riconosce e racconta il travaglio che sta affrontando l'Italia: “Ora vi vediamo lottare. Vi vediamo soffrire. Anche da noi, la situazione non è facile, ma da voi è mille volte più difficile. Infermiere sfinite che dormono su una sedia. Medici che devono decidere chi può sopravvivere e chi deve morire.”

La lettera si chiude con un'esortazione che non nasconde una nota di sarcasmo: "Siete sempre nei nostri pensieri. Ce la farete. Torneremo da voi e dal vostro mare”,

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali