FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, al via a fine aprile i primi test del vaccino sull'uomo | Rezza (Cts): "E' candidato promettente"

I test saranno effettuati su alcuni volontari britannici. Se ci saranno esiti positivi già a settembre potrebbe arrivare un primo vaccino da sperimentare su una scala più ampia

Inizieranno a fine aprile in Inghilterra i test accelerati sull'uomo del vaccino messo a punto dall'azienda Advent-Irbm di Pomezia insieme allo Jenner Institute della Oxford University. Lo ha annunciato l'a.d. di Irbm, Piero Di Lorenzo. La previsione, ha spiegato Di Lorenzo, è di "rendere utilizzabile il vaccino già a settembre per il personale sanitario e le forze dell'ordine in modalità di uso compassionevole".
 

Secondo Di Lorenzo, "in virtù dei dati acquisiti nelle ultime settimane, il primo lotto del vaccino messo a punto dalla partnership Advent-Irbm con  lo Jenner Institute della Oxford University partirà da Pomezia per l'Inghilterra, dove inizieranno i test accelerati su 550 volontari sani". Inoltre, "si prevede di rendere utilizzabile il vaccino già a settembre per il personale sanitario e Forze dell'ordine in modalità di uso compassionevole".

 

Di Lorenzo annuncia che è "ormai in fase finale la trattativa per un finanziamento di rilevante entità con un pool di investitori internazionali e vari governi interessati a velocizzare ulteriormente lo sviluppo e la produzione industriale del vaccino". "Si è deciso di passare direttamente alla fase di sperimentazione clinica sull'uomo, in Inghilterra - spiega Di Lorenzo - ritenendo, da parte della Irbm e della Oxford University, sufficientemente testata la non tossicità e l'efficacia del vaccino sulla base dei risultati di laboratorio".

 

Rezza (Cts): vaccino Pomezia è candidato promettente - "E' un candidato promettente". Lo ha detto Giovanni Rezza dell'Istituto superiore di sanità e componente del Comitato tecnico-scientifico, nella conferenza stampa alla Protezione civile parlando del vaccino di Pomezia. Rezza ha ricordato che la ricerca è in corso in collaborazione con Oxford. Si tratta di "un vaccino vettoriale cioé ha un vettore che non replica nell'uomo che esprime la proteina di superficie del coronavirus, che è prodotto da Oxford. Quindi è un vaccino che usa una piattaforma già usata per ebola. Il vantaggio sarebbe di poter accelerare ulteriormente i tempi magari comprimendo le fasi". 

 

Gli Stati Uniti puntano su un veterinario italiano - Ma sono molte le aziende e le università al lavoro per cercare un vaccino al Covid-19. Un altro italiano è salito agli onori delle cronache dopo che un'azienda americana ha brevettato a Washington lo studio messo a punto dal professor Giacomo Rossi dell'Università di Camerino. Rossi, medico veterinario livornese della Scuola di Bioscienze e Medicina veterinaria di Unicam, ha studiato il coronavirus del gatto e messo a punto un medicinale che blocca le infezioni polmonari. Avendo brevettato il medicinale negli Usa potrà utilizzare i trials più rapidi rispetto a quelli europei. Entro un mese anche lui potrebbe avere i primi risultati.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali