FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Colombia, si tatua il nome del figlio sulla schiena ma poi scopre che non è suo

Il giovane ha trovato delle conversazioni Whatsapp inequivocabili sul telefono della fidanzata

Colombia, si tatua il nome del figlio sulla schiena ma poi scopre che non è suo

Era talmente contento di essere diventato padre che ha deciso di tatuarsi il nome di suo figlio sulla schiena: "Benjamin". Una scritta grande, importante. La gioia si è però trasformata in rabbia quando Pedro Pablo Santo Domingo, un 22enne colombiano, ha scoperto che in realtà quel bimbo non è suo. Pochi giorni dopo aver fatto il tattoo, infatti, il giovane ha letto delle conversazioni Whatsapp sul telefono della fidanzata in cui la donna confidava al suo ex che il vero padre è lui (notizia poi confermata da un test del dna) e di voler riprendere la relazione. Pedro Pablo, sotto gli effetti dell’alcol, non ha saputo gestire l’ira e ha picchiato la compagna con un bastone. Ora è stato affidato a un team di psicologi. Lo riporta il sito di informazione locale La Opinion.

A salvare la donna dalle botte sono stati i vicini, che hanno subito allertato la polizia. L’uomo è stato arrestato, ma poi rilasciato dopo aver raccontato la sua storia alle autorità. Gli psicologi lo aiuteranno a superare il trauma.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali