FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Cleveland, la madre gli toglie la Playstation e lui a 11 anni scappa col Suv per la seconda volta in 13 mesi

Lʼinseguimento ad alta velocità (picchi a 140 chilometri orari) si è concluso con un incidente contro un camion parcheggiato

La mamma gli toglie la playstation e lui, a 11 anni, le ruba la macchina per scappare di casa. Ne è scaturito un inseguimento, prima del padre, poi della polizia, che è durato per circa mezz’ora, quando il bambino è andato a sbattere contro un camion parcheggiato riportando solo graffi ed escoriazioni. E’ successo a Cleveland, in Ohio, e per il bimbo fuggitivo è stata la seconda avventura ad alta velocità in tredici mesi.

Domenica 4 novembre mamma e figlio hanno litigato e per punizione lei gli ha sequestrato la console. Il bambino ha aspettato che la madre andasse a letto, poi ha preso le chiavi della sua Dodge Durango e se n’è andato. Il padre lo ha inseguito con un’altra auto finché non si è nascosto in una ex stazione dei vigili del fuoco di Brooklyn, cittadina dell’Ohio. Lì ha incrociato un poliziotto ed è ripartito a tutta velocità imboccando la Memphis Avenue nel senso sbagliato e saltando i semafori. L’agente lo ha inseguito per qualche chilometro ad alta velocità, fino a picchi di 140 chilometri orari, ma poi il bambino ha spento le luci e si è volatilizzato. Poco tempo dopo è stato notato da un altro poliziotto. Il terzo inseguimento della serata è durato 25 minuti, fino allo scontro del Suv contro un camion parcheggiato. Uscito dall’auto, il bambino è svenuto ed è stato portato in ospedale per le ferite e le escoriazioni a mano e polso sinistri, ma è stato dimesso senza riportare conseguenze.

Secondo il sito cleveland.com, l’undicenne soffre di deficit dell’attenzione e di iperattività, di disturbo bipolare e di disturbo oppositivo provocatorio. La fuga replica quella dell’ottobre del 2017. Allora stava aspettando che la sua sorella maggiore lo portasse a scuola in macchina, quando ha rubato il mezzo ed è fuggito via per un’ora. Il giudice dichiarò che il bambino era troppo giovane per affrontare un processo e dunque lo rilasciò. Neanche quella, tuttavia, era la prima volta: due settimane prima rubò la macchina della madre perché – si era giustificato – si stava annoiando.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali