FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Chicago sotto shock: 19enne incinta al nono mese attirata in trappola e uccisa per rubarle il bambino

Il piccolo è in gravissime condizioni in ospedale, tre arresti

E' una storia horror quella che arriva da Chicago. Una 19enne, Marlen Ochoa-Lopez, incinta al nono mese, è stata attirata in una trappola ed è stata uccisa per prelevare dal suo grembo il bambino e far credere che fosse il figlio partorito da un'altra donna. In tre sono finiti in manette, mentre il piccolo si trova in ospedale in gravissime condizioni. Marlen era scomparsa venti giorni fa ed è stata ritrovata morta in un bidone dell'immondizia.

La 19enne aveva postato su Facebook un appello nel quale chiedeva abiti per suo figlio di 3 anni e per quello che doveva nascere. A quell'annuncio avevano risposto Clarisa e Desirée, madre e figlia rispettivamente di 46 e 24 anni, che all'appuntamento hanno strangolato Marlen e le hanno strappato il bimbo dal grembo.

Poco dopo la 46enne aveva chiamato il 911 dicendo di aver partorito in casa e spacciando quel bimbo per il proprio. Gli esami hanno poi confermato che il piccolo è il figlio di Marlen.

In carcere per omicidio e occultamento di cadavere con mamma e figlia è finito anche il compagno della prima.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali