FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Charlie, ultimatum del giudice: genitori e ospedale trovino unʼintesa

Se non ci sarà un accordo, Charlie sarà trasferito in un hospice, vale a dire un centro di assistenza per malati terminali

Charlie, ultimatum del giudice: genitori e ospedale trovino un'intesa

I genitori del piccolo Charlie Gard e il Great Osmond Street Hospital di Londra hanno tempo fino a giovedì a mezzogiorno (le 13 in Italia) per trovare un accordo su dove far trascorrere al bambino i suoi ultimi giorni di vita. Lo ha stabilito l'Alta Corte di Londra. In caso contrario, Charlie sarà trasferito in un hospice, un centro di assistenza per malati terminali, dove sarà interrotta la ventilazione artificiale.

Martedì il padre e la madre del bambino non erano riusciti ad arrivare a un accordo con l'ospedale riguardo il loro "ultimo desiderio" di poterlo adagiare nella sua culla a casa e di lasciarlo "andar via".

Pochi giorni fa, dopo cinque mesi di campagna giudiziaria, la coppia ha messo fine alla battaglia legale per il trasferimento del piccolo negli Stati Uniti per sottoporlo ad una cura sperimentale. Il bambino, che compirebbe un anno il 4 agosto, è affetto da una rarissima malattia genetica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali