FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Charlie, i genitori: fatecelo portare a casa | Bambino Gesù: arrivati tardi

Una volta persa la speranza di proseguire la cura per il bimbo, la famiglia vorrebbe farlo morire nella sua culla. Il giudice deciderà mercoledì

I genitori di Charlie Gard, il piccolo affetto da una sindrome da deplezione del Dna mitocondriale, si sono rivolti nuovamente all'Alta Corte di Londra per trasferire a casa il bimbo prima di staccare la spina. L'ospedale dove il piccolo è ricoverato, il Great Ormond Street, ha invece dei dubbi sul suo spostamento. Deciderà il giudice mercoledì. Intanto il Bambino Gesù fa sapere: "Siamo stati interpellati troppo tardi per poter intervenire".

Una volta gettata la spugna sul fronte della speranza di proseguire nelle cure e tentare di allungare la vita del proprio bimbi, i genitori di Charlie ora aprono un altro fronte per come far morire il loro bambino. Charlie compirebbe un anno il 4 agosto e lunedì i genitori hanno detto che non arriverà a quella data. Si tratta quindi di pochissimi giorni, ormai il tempo stringe. E di fronte alle perplessità dei medici non hanno visto altra strada che rivolgersi nuovamente a un giudice.

Il giudice invita le parti a trovare un accordo - Durante l'udienza all'Alta Corte di Londra, il giudice Nicholas Francis ha invitato "i genitori di Charlie Gard e l'ospedale dove il bimbo è ricoverato" a trovare "un accordo". Alla richiesta del trasferimento del bimbo a casa, il Great Ormond aveva chiesto l'intervento di un mediatore, ma i Gard hanno rifiutato. I rappresentanti dell'ospedale hanno spiegato che vorrebbero accontentarli, ma allo stesso tempo vogliono tenere in considerazione il migliore interesse del bambino, a cui verrà staccata la spina dei respiratori. La decisione dell'Alta Corte arriverà mercoledì.

Bambino Gesù: "Arrivati troppo tardi" - La "terapia sperimentale poteva rappresentare una opportunità per Charlie Gard ma si è arrivati troppo tardi". Lo ha affermato il professor Luigi Bertini dell'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma nel corso della conferenza stampa sul piccolo inglese affetto da una malattia genetica.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali