FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Caso Ilaria Alpi, insabbiata la verità sulla morte: per lʼex ambasciatore il testimone era inaffidabile

Nelle carte desecretate della Commissione dʼinchiesta emergono nuove ombre sul processo che condannò Omar Hassan Hashi

Caso Ilaria Alpi, insabbiata la verità sulla morte: per l'ex ambasciatore il testimone era inaffidabile

Nuove ombre sul processo che condannò Omar Hassan Hashi per l'omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, avvenuto il 20 marzo 1994 a Mogadiscio. Il testimone autista della troupe che riconobbe Hashi era "una persona non affidabile e che farebbe qualsiasi cosa per sopravvivere". Lo afferma il diplomatico italiano Giuseppe Cassini che svolse gli accertamenti in Somalia.

Testimonianze pilotateLe parole dell'ex ambasciatore si riferiscono alla sua deposizione dinanzi alla Commissione d'inchiesta, resa in seduta segreta, nell'ottobre del 2004, desecretata nei giorni scorsi e nella quale ribadiva il fatto che l'autista fosse inaffidabile poiché "è un bantu. La testimonianza di uno come lui è labile". Personalmente, affermava Cassini, "non gli darei un soldo bucato".

Altri depistaggi sulla ricerca della verità sulla morte della giornalista del Tg3 e del suo operatore si erano aperti già pochi giorni fa, quando il "supertestimone" Ahmed Ali Rage detto "Jelle" avrebbe confermato che la sua testimonianza "venne pilotata".

"Gli italiani avevano fretta di chiudere il caso"La testimonianza di Jelle fu sufficiente per far scattare la condanna all'ergastolo di Omar Hassan Hashi. Subito dopo il processo il supertestimone fu irreperibile. Trovato grazie alla redazione di "Chi l'ha visto?" confessò che "gli italiani avevano fretta di chiudere il caso e mi hanno promesso denaro in cambio di una testimonianza al processo".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali