FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Floyd, Derek Chauvin incriminato per omicidio volontario: ordine di arresto per gli altri 3 agenti coinvolti

Lʼex poliziotto che ha soffocato lʼafroamericano di 46 anni ora rischia fino a 40 anni di carcere. Continuano le manifestazioni pacifiche nelle principali città Usa

Usa, afroamericano fermato da agenti muore soffocato: scoppia la protesta

Il procuratore di Minneapolis ha riqualificato le accuse contro Derek Chauvin per la morte di George Floyd, l'afroamericano ucciso durante l'arresto. L'ipotesi di reato è di omicidio volontario non premeditato, e non più colposo. Ora, l'ex agente rischia fino a un massimo di 40 anni di carcere. Inoltre il procuratore ha ordinato l'arresto degli altri tre poliziotti coinvolti. Per loro l'accusa è di complicità in omicidio volontario.

La richiesta della procura per la cauzione è stata fissata a un milione di dollari. Tutti e quattro gli ex agenti sono ora agli arresti. Aleksander Kueng si è consegnato spontaneamente, Thomas Lane e Tou Thao sono stati portati in carcere in seguito all'ordine. Derek Chauvin era già stato arrestato qualche giorno dopo l'uccisione. 

 

La famiglia: passo importante verso la giustizia "Un passo importante verso la giustizia": così la famiglia di George Floyd ha commentato gli sviluppi dell'inchiesta sui quattro agenti coinvolti nella morte del 46enne. Lo ha riferito l'avvocato.

 

Continuano le manifestazioni pacifiche Manifestazioni pacifiche si sono svolte nelle principali città americane, da New York a Washington, da Los Angeles a Philadelphia, dopo che la procura generale del Minnesota ha aggravato l'imputazione per Chauvin e fatto arrestare i suoi tre colleghi accusandoli di complicità.

 

Al Senato una legge per vietare la stretta al collo da parte della poliziaA sei anni dalla morte di Eric Garner, l'afroamericano soffocato da un agente bianco durante un tentativo di arresto, il Senato Usa introdurrà in settimana la legge che porta il suo nome e che vieta alla polizia di usare la stretta al collo, quella che ha causato la morte anche di George Floyd a Minneapolis. Lo riferisce la Cnn.

 

L'ex presidente Carter: basta discriminazioni "Siamo costernati dalle tragiche ingiustizie razziali": dopo George W. Bush scende in campo anche l'ex presidente democratico Jimmy Carter con la moglie sulla vicenda della morte di George Floyd. "Siamo con tutto il cuore con le famiglie delle vittime e con tutti coloro che si sentono disperati di fronte all'onnipresente discriminazione razziale e alla crudeltà pura e semplice", afferma in una nota l'ex coppia presidenziale. "La gente in posizione di potere, di privilegio e coscienza morale deve resistere e dire 'questo è abbastanza' a una polizia e a un sistema giudiziario che discrimina, alle ineguaglianze economiche immorali tra bianchi e afroamericani, alle azioni pubbliche che minano la nostra unità democratica", proseguono.

 

Usa, nero o ispanico: le probabilità di ricevere una condanna

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali