FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Brexit, la Merkel tende una mano alla May | Gelo Ue: "Non si rinegozia"

La stampa britannica: "Umiliante disfatta della May". Parigi e Berlino si preparano allʼipotesi No-deal

Brexit, la Merkel tende una mano alla May | Gelo Ue: "Non si rinegozia"

"Abbiamo ancora tempo per trattare ma ora Theresa May deve fare una proposta". Lo ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel dopo la bocciatura della Brexit da parte del Parlamento britannico. "Cerchiamo di trovare una soluzione ordinata, ma siamo anche preparati all'opzione che tale soluzione non ci sia", ha però aggiunto annunciando una riunione ad hoc del parlamento tedesco. D'altra parte la Ue avverte: "L'accordo non può essere rinegoziato".

"Ora sta al Regno Unito dire cosa vuole fare - precisa la portavoce Ue Margaritis Schinas -. Aspettiamo di sapere da loro quali sono i prossimi passi". Lanciando l'avvertimento, la Schinas lascia però intendere che c'è qualche margine per ritoccare la dichiarazione politica congiunta sulla partnership futura, sempre che Londra modifichi i suoi paletti. Occorre però che Londra chiarisca cosa vuole fare.

Si prepara a un'ipotesi No-deal la Francia, dove il premier Edouard Philippe fa sapere che sta per "incontrare i ministri chiave coinvolti per fare il punto e accelerare" i preparativi per una Brexit senza accordo.

A Berlino il nodo Brexit sbarca in Parlamento - In attesa che si delinei uno scenario più chiaro, il Parlamento tedesco si riunirà giovedì "per consultarsi sulle leggi che sono state eleborate e che entrerebbero in vigore nel caso in cui non ci fosse una soluzione", ha puntualizzato la cancelliera. La Merkel ha infine deplorato il voto di martedì al Parlamento britannico, sottolineando che adesso si lavora "per fare in modo che i danni, che comunque ci saranno, siano i minori possibili".

Dpa: "Merkel contraria a rinegoziare l'accordo" - La Dpa ha però rivelato che la Merkel sarebbe contraria a rinegoziare l'accordo. L'agenzia di stampa tedesca cita fonti che hanno riferito la posizione espressa dalla cancelliera, nel corso di una seduta della Commissione Esteri del Bundestag. La Gran Bretagna deve adesso trovare una possibile soluzione da sola e non si dovrebbe esercitare alcuna pressione dall'esterno, secondo la Merkel. Quest'ultima, inoltre, non intende partecipare a speculazioni sull'argomento.

Unanime la stampa britannica: "Umiliante disfatta della May" - Tutti i media britannici parlano per Theresa May di una disfatta "storica" e "umiliante". "Un'umiliazione completa", titola il Daily Telegrah, filo-conservatore, vicino sulla Brexit ai ribelli euroscettici più oltranzisti. "May subisce una storica sconfitta, mentre i Tories si rivoltano contro di lei", fa eco il progressista Guardian. Analogo il titolo del Times, mentre I (giornale low cost nato da una costola dell'Independent) unisce i due concetti e, sopra una foto con il volto provato della May, scrive: "Umiliazione storica".

Fra i tabloid, il Daily Mail - tornato a schierarsi di recente a favore dell'accordo sulla Brexit negoziato dalla premier - nota come Theresa May debba ora "combattere per sopravvivere". Mentre l'Express gioca con il cognome dell'inquilina di Downing Street e scrive a tutta pagina: "DisMay", in inglese "sgomento".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali