FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bangkok, poliziotto disarma aggressore e lo abbraccia: il lieto fine di un gesto di follia

Un uomo disperato entra nella stazione di polizia con un grosso coltello e lʼufficiale che si trova di fronte riesce a calmarlo. I momenti di tensione si sciolgono davanti alla telecamera di sicurezza

Aveva lavorato per tre giorni come guardia di sicurezza e non era stato pagato; inoltre gli avevano appena rubato la chitarra con la quale si esibiva per strada per sbarcare il lunario. Era disperato il 45enne che ha fatto irruzione in una centrale di polizia nel distretto Huay Kwang di Bangkok (Thailandia) con un grosso coltello, minacciando il poliziotto di turno. Ma l'ufficiale che ha incontrato all'ingresso, Anirut Malee, invece di neutralizzarlo, ha cercato con parole rilassate e con gesti convincenti di farsi consegnare l'arma. Ci riesce e la tensione si scioglie in un abbraccio. Il tutto davanti all'occhio della telecamera di sorveglianza del commissariato: il filmato ha fatto il giro del Web.

Durante l'abbraccio tra il poliziotto e l'assalitore si vedono arrivare altri agenti. L'uomo disperato si siede, viene rassicurato e gli viene dato da bere: il sangue freddo dell'ufficiale ha permesso che un gesto di follia avesse un lieto fine.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali