FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Attentato Iraq, 1.100 militari italiani impegnati nella missione anti-Isis

Lʼobiettivo è lʼaddestramento delle forze di sicurezza curde ed irachene. Il contributo del nostro Paese prevede un impiego di 305 mezzi terresti e 12 aerei

I cinque militari italiani rimasti feriti in Iraq sono impegnati nella missione "Prima Parthicà - Inherent Resolve", l'operazione della coalizione multinazionale contro lo Stato islamico in Siria e in Iraq, alla quale partecipano 79 Paesi e 5 organizzazioni internazionali.

I militari italiani impegnati allʼestero

 

Il contributo italiano alla missione, iniziata il 14 ottobre 2014, prevede un impiego massimo di 1.100 militari, 305 mezzi terresti e 12 mezzi aerei. La missione prevede in particolare l'addestramento delle forze di sicurezza curde ed irachene - con il personale italiano dislocato tra Erbil, nel Kurdistan iracheno, e Baghdad - la ricognizione aerea con i droni e attività di rifornimento carburante in volo per i velivoli della coalizione.

 

 

Ad Erbil opera il personale dell'esercito nell'ambito del "Kurdistan Training Coordination Center" il cui comando è attribuito alternativamente per un semestre all'Italia e alla Germania. A Baghdad e a Kirkuk - dove c'è stato l'attentato - sono invece impegnati gli uomini delle forze speciali, appartenenti a tutte le forze armate italiane, che hanno il compito specifico di addestrate i militari iracheni del "Counter Terrorism Service" (Cts) e le forze speciali e di sicurezza curde.

 

 

Nella capitale irachena sono poi dislocati altri 90 militari nell'ambito della "Police task force Iraq", che ha il compito di addestrare i poliziotti iracheni che devono operare nelle zone liberate dall'Isis. Per quanto riguarda infine l'impegno dei mezzi aerei, 4 elicotteri da trasporto Nh90 sono schierati ad Erbil mentre in Kuwait sono schierati i Boeing Kc 767 A, gli Eurofighters e i Predator. A questi velivoli è affidato il compito di rifornimento in volo e sorveglianza del territorio.

 

 

Le forze dei vari Paesi che aderiscono alla coalizione operano in base a due risoluzioni dell'Onu: la numero 2.170 del 15 agosto 2014 e la numero 2.178 del 27 settembre 2014, sulla base della richiesta di soccorso presentata il 20 settembre 2014 dal rappresentante permanente dell'Iraq presso l'Onu al presidente del Consiglio di sicurezza.

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali