FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Attacco al London Bridge, uno degli "eroi" è in realtà un assassino: nel 2003 ha ucciso una 21enne disabile

Al momento dellʼattentato era in permesso premio e stava andando a un convegno sulla riabilitazione dei detenuti. La famiglia della vittima si è detta "scioccata": "Non sapevamo fosse libero"

Ansa

Fino a venerdì era considerato un "eroe", per aver bloccato insieme ad altri passanti l'attentatore del London Bridge, nel tentativo di salvare la vita a una donna, rimasta vittima. Ora è finito nell'occhio del ciclone poiché in realtà l'"eroe" altro non è che James Ford, un assassino 42enne in libertà vigilata condannato all'ergastolo per aver strangolato e sgozzato una 21enne disabile, Amanda Champion, nel 2003. Ford, che deve scontare una pena minima di 15 anni di reclusione, era in permesso premio: stava andando a una conferenza sulla riabilitazione dei detenuti quando si è trovato di fronte a Usman Khan.

Angela Cox, la zia di Amanda Champion, ha affermato al Daily Mail di essere rimasta scioccata e arrabbiata per quanto accaduto: "Non è un eroe. È un assassino in libera uscita. Nessuno di noi sapeva fosse fuori dal carcere". La Cox ha poi ribadito: "Ha ucciso una ragazza disabile. Non è un eroe, assolutamente no".

 

Il corpo di Amanda era stato ritrovato vicino a casa sua ad Ashford, nel Kent, nel 2003. A denunciare Ford, che lavorava come operaio in una fabbrica, era stato un volontario dei "Samaritans", che decise di chiamare la polizia a seguito di 45 telefonate fatte dall’assassino per confessare il suo delitto. Il 42enne aveva strangolato e tagliato la gola alla 21enne disabile senza un apparente motivo. Per questo la polizia del Kent lo aveva giudicato un soggetto molto pericoloso.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali