FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Atlanta, afroamericano ucciso dalla polizia: licenziato l'agente che gli ha sparato

Gli agenti sarebbero intervenuti dopo aver ricevuto una telefonata che denunciava la presenza dellʼuomo addormentato in un parcheggio. Lascia il capo della polizia. Disordini e proteste in città

Nuovo caso "Floyd" negli Stati Uniti, dove un 27enne afroamericano, Rayshard Brooks, è stato ucciso a colpi di pistola dalla polizia di Atlanta. Gli agenti sono intervenuti dopo aver ricevuto una telefonata da parte di un ristorante che segnalava la presenza dell'uomo addormentato in un parcheggio. Positivo all'alcol test, Brooks si è ribellato quando la polizia ha tentato di ammanettarlo. L'accusa potrebbe essere omicidio o concordo in omicidio.

La ricostruzione della vicenda Quando i poliziotti hanno tentato di arrestarlo, l’uomo ha reagito, come si vede dal video, ed è riuscito a strappare un teaser paralizzante dalle mani di un agente per poi scappare. E' a quel punto che due poliziotti gli hanno sparato tre colpi di pistola alla schiena. Nonostante l'immediato trasporto in ospedale e l'intervento chirurgico, Brooks è morto. Sul luogo dell'incidente, dopo i video diffusi dai testimoni che hanno fatto il giro del web, si sono radunate decine di persone per chiedere giustizia. "Dormiva in auto e invece di aiutarlo l'hanno ucciso", hanno protestato i manifestanti.

 

Sospesi gli agenti, licenziato uno dei due. Lascia il capo della polizia - Il Georgia Bureau of Investigation sta indagando sul caso. I due poliziotti coinvolti sono stati sospesi in attesa dell'esito delle indagini, ma uno di loro che ha materialmente sparato, è stato licenziato. Si è invece dimesso il capo della polizia di Atlanta, Erika Shields. Nei mesi scorsi sempre la Georgia è stata al centro di un altro episodio razziale, l'uccisione del 25enne Ahmaud Arbery.

 

Spunta un nuovo video Quello di Atlanta non è però l'unico caso emerso nelle ultime ore. Un video che risale a novembre, girato in South Carolina, mostra i momenti in cui un afroamericano viene ucciso dalla poliza. Nelle immagini si vede il 28enne Araine Lamont McCree all'esterno di un grande magazzino Walmart, ammanettato per presunto taccheggio quando è stato ucciso. Secondo le ricostruzioni iniziali riportate dal quotidiano locale Post and Courier, gli agenti avevano aperto il fuoco per autodifesa poiché McCree era in possesso di una pistola e l'aveva puntata contro di loro. 

 

Floyd, scontri a Parigi: black-bloc sfidano la polizia - Scenario incandescente a Parigi dove circa 15mila persone si sono radunate per manifestare a sostegno di George Floyd e contro la brutalità della polizia e il razzismo. Il corteo, dedicato in particolare ad Adama Traore, un ragazzo francese di colore, morto in custodia di polizia nel 2016, in circostanze che rimangono poco chiare, doveva sfilare da Place de la Republique al teatro dell'Opera ma è stato bloccato dalle forze dell'ordine che hanno sparato gas lacrimogeni. La tensione è salita dopo che un gruppo di militanti di estrema destra, che aveva srotolato uno striscione contro il 'razzismo anti-bianco', è stato sgomberato dal tetto di un edificio. All'origine della decisione delle forze dell'ordine di bloccare la marcia ci sarebbe il divieto, ancora in vigore a causa del coronavirus, di radunarsi in gruppi di oltre 10 persone.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali