testimonianza in aula

Assalto a Capitol Hill, l'esponente di un gruppo di estrema destra: "Eravamo pronti a morire"

La testimonianza in tribunale di Jason Dolan, ex marine 46enne e membro degli Oath Keepers, il gruppo pro-Trump che ha guidato i disordini

19 Ott 2022 - 07:35
 © Ansa

© Ansa

Nell'assalto a Capitl Hill "eravamo pronti a vivere o morire". Lo ha raccontato in tribunale un membro degli Oath Keepers, il gruppo di estrema destra pro-Trump che ha guidato l'incursione il 6 gennaio 2021. Quel giorno, ha spiegato Jason Dolan, ex marine 46enne, ha "riempito l'auto di armi" ed è partito per Washington "per impedire a Joe Biden di assumere la presidenza con qualsiasi mezzo necessario". L'obiettivo era "mantenere al potere l'allora presidente Donald Trump intimidendo il Congresso".

Assalto a Washington, ecco i supporter di Trump: bandiere confederate, copricapi con corna e anche un cappio

1 di 22
© Getty © Getty © Getty © Getty

© Getty

© Getty

Intanto, in un'intervista alla rete televisiva Msnbc, la presidente della Camera Usa, Nancy Pelosi, ha detto di non essere pentita di aver minacciato di prendere a pugni l'allora presidente Donald Trump durante la rivolta a Capitl Hill, come emerso in un video girato in quelle ore drammatiche dalla figlia della Speaker, Alexandra. La Pelosi ha ribadito che avrebbe dato un pugno a Trump: "Sarei andata in prigione per questo e sarei stata felice". Ma, ha aggiunto, "lui non avrebbe mai avuto il coraggio di venire a Capitol Hill, è tutto fumo e niente arrosto".

Assalto a Capitol Hill: prima udienza per la Commissione 6 gennaio

1 di 15
© Afp © Afp © Afp © Afp

© Afp

© Afp

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri