FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Arabia Saudita, virale la hit in cui le donne ballano per lʼemancipazione

Il filmato ha ottenuto quasi 2 milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube, diventando un vero e proprio caso

La hit del momento in Arabia Saudita si intitola "Hwages", una parola che grosso modo significa "barriere". Le tre donne protagoniste della clip musicale cantano, ballano e infrangono tutte le imposizioni che la legge e la cultura locali impongono al gentil sesso: il divieto di guidare e quello di indossare abiti colorati, l'impossibilità di praticare sport come il basket o il bowling, l'obbligo di muoversi accompagnate da una figura maschile. Il tutto sotto lo sguardo di disapprovazione morale di due uomini baffuti. Non manca poi un riferimento all'islamofobia diffusa anche all'estero e incarnata dal nuovo presidente americano Donald Trump che compare sotto forma di cartonato.

Prendendo spunto da una canzone tradizionale scritta dal poeta saudita Soleman bin Shuraim, il filmato che auspica l'emancipazione femminile è stato realizzato dalla casa discografica saudita 8ies Studio e dal regista Majedalesa e a oggi ha ottenuto quasi 2 milioni e mezzo di visualizzazioni su YouTube, diventando un vero e proprio caso: le autorità si sono dovute pronunciare in merito, giudicando la canzone troppo provocatoria.

Quello delle limitazioni alla libertà delle donne è un problema molto sentito in Arabia Saudita che già in passato aveva dato il via a varie forme di protesta, come la campagna online per ottenere il diritto di guidare.

Nel regno la vita delle signore dipende dalle scelte del loro tutore di sesso maschile: senza il permesso di padre, fratello o altro parente uomo, nessuna può sposarsi, richiedere un documento, affittare un appartamento sottoporsi a un intervento o a un ricovero, intraprendere una causa legale e viaggiare.

Le famiglie più tradizionaliste forzano i confini di questa legge già così estremamente conservatrice e decidono pure se autorizzare le proprie figlie o mogli a lavorare e studiare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali