FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Amal porta lʼIsis in tribunale: George Clooney preoccupato per i due figli

Lʼattore: "Non vogliamo che i nostri bambini diventino bersagli, quindi dobbiamo prestare attenzione". Il procedimento riguarda il rapimento di alcune donne yazide

Amal porta l'Isis in tribunale: George Clooney preoccupato per i due figli

George Clooney teme che lui e la sua famiglia siano in pericolo: la moglie Amal sta infatti conducendo una causa contro l'Isis davanti a una corte francese. E il divo di Hollywood si è detto preoccupato in particolar modo per la sicurezza dei figli, i gemelli Alexander ed Ella, di quasi due anni. "Non vogliamo che i nostri figli siano dei bersagli, quindi dobbiamo prestare attenzione", ha spiegato.

L'attore, in un'intervista a The Hollywood Reporter, ha sottolineato che "mia moglie sta portando il primo caso contro l'Isis in tribunale, quindi abbiamo un sacco di problemi, problemi di sicurezza reali, che dobbiamo affrontare quotidianamente".

Il caso di cui si sta occupando Amal Clooney è la causa è stata intentata in Francia contro Lafarge, colosso francese del cemento, che avrebbe pagato i militanti dell'Isis per poter tenere attivo un impianto nel nord della Siria. L'accusa per la società è dunque quella di complicità nei crimini dell'Isis. Un gruppo di donne yazide, assistite proprio dalla moglie di Clooney, si è costituite parte civile nel procedimento chiedendo un risarcimento: le vittime, infatti, sono state rapite dall'Isis e trasformate in schiave sessuali per i miliziani.

"Questo processo - aveva sottolineato Amal Clooney a novembre, quando è stata intentata la causa - è un'opportunità per stabilire che l'Isis, e tutti coloro che l'assistono, sarà considerato responsabile dei crimini commessi, e che alle vittime sarà riconosciuto un giusto risarcimento".

La moglie di George Clooney è contemporaneamente impegnata in un altro processo contro l'Isis, questa volta in Germania, dove alla sbarra c'è una 27enne tedesca che si era unita all'Isis in Siria, e che è accusata di non aver fatto nulla per salvare una bimba, utilizzata come schiava, che il marito ha lasciato morire di sete.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali