FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Alpinista precipitato in Pakistan, i familiari: serve un elicottero o morirà | Moavero: "Islamabad faccia il massimo"

Francesco Cassardo è scivolato per alcune centinaia di metri mentre scendeva dal Gasherbrum VII: è in gravi condizioni, ma vigile. I soccorritori gli hanno portato una bombola dʼossigeno per consentirgli di affrontare la notte in quota

Un alpinista piemontese, Francesco Cassardo, è rimasto ferito in un incidente sulle montagne del Pakistan. E' scivolato per alcune centinaia di metri mentre scendeva dal Gasherbrum VII. Il suo compagno di cordata ha fatto sapere che, pur essendo in condizioni "gravi", è comunque "vigile" ed è stato portato più a valle. Appello della famiglia al ministro degli Esteri Moavero: "Ci aiuti, se non si alzerà presto un elicottero, morirà".

Le ricerche sono state interrotte e posticipate a lunedì mattina a causa del caldo eccessivo. A riferirlo è stato Karrar Haidri, segretario del Club Alpino del Pakistan (Acp). I soccorritori hanno portato a Cassardo una bombola di ossigeno per consentirgli di affrontare la notte e sono riusciti a trasportarlo a una quota ancora più bassa rispetto al previsto.

Dopo avere raggiunto il luogo in cui l'alpinista Cala Cimenti aveva lasciato la tenda prima di affrontare la cima, i soccorritori hanno deciso di proseguire la discesa con quello che, da un osservatore in contatto con il campo base, è stato definito "uno sforzo incredibile".

"Signor ministro - è l'appello di Stefano, il fratello dell'alpinista - la prego mi aiuti. Ci aiuti, mio fratello sta morendo. Siamo arrivati al limite. Ogni minuto perso è una probabilità in meno di salvarsi per Francesco. Finora ogni intervento del nostro ambasciatore non ha sbloccato la situazione. Chiedo a lei, signor ministro, di fare qualcosa, qualsiasi cosa, per provare a salvarlo".

La Farnesina in contatto con il Pakistan - "Da sabato con la Farnesina e l'ambasciata si sta chiedendo alle autorità pachistane di fare il massimo per soccorrerlo nei tempi più rapidi", fa sapere il ministero degli Esteri in una nota, precisando di essere in contatto costante con i suoi familiari. Le autorità italiane avrebbero ottenuto l'intervento di un elicottero, tuttavia "ragioni imperative di carattere tecnico hanno reso sinora impossibile tale intervento, perché gli elicotteri a disposizione delle unità di soccorso pakistane non hanno potuto effettuare in sicurezza l'operazione considerata l'alta quota dove si trova Cassardo".

Il compagno di spedizione: "Lo portiamo giù a piedi" - Cassardo e il suo compagno di cordata Cala Cimenti sono stati raggiunti dai colleghi partiti in mattinata dal campo base del Gasherbrum VII. Proprio Cimenti ha annunciato che, "visto che l'elicottero non arriva, abbiamo deciso di portarlo giù a piedi. Probabilmente cammineremo tutta la notte, ma portiamo Francesco in salvo".

Il piano è di trasportare Cassardo a una quota più bassa e raggiungibile in sicurezza dagli elicotteri che, è la speranza, potrebbero raggiungerlo non prima di lunedì mattina. Cassardo, medico 30enne di Rivoli (Torino) si trovava in Pakistan per collaborare con un ambulatorio locale. Appassionato di sci estremo, assieme all'amico Cala Cimenti, aveva deciso di sfruttare l'occasione per tentare la discesa del Gasherbrum VII.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali