FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Afghanistan, un gruppo di donne sfida il regime dei talebani: spari in aria per disperdere la protesta

Le attiviste si erano radunate davanti al ministero dell'Istruzione al grido di "pane, lavoro e libertà". Sono state colpite con i calci dei fucili

protesta donne a kabul
Afp

Combattenti talebani hanno sparato in aria a Kabul per disperdere una protesta organizzata da circa 40 donne che si erano radunate davanti al ministero dell'Istruzione al grido di "pane, lavoro e libertà".

Alcune delle manifestanti che sono fuggite trovando rifugio in negozi vicini, sono state raggiunge dai talebani, che le hanno

colpite con i calci dei fucili

. Lunedì 15 agosto ricorre il primo anniversario dell'ingresso dei talebani nella capitale afghana, che hanno così ripreso il potere dopo che il loro primo regime era stato rovesciato nel 2003 dall'intervento anglo-americano.

Kabul, spari in aria per disperdere protesta donne


L'

Afghanistan

è tornato così, a un anno di distanza, nel baratro dell'oscurantismo: dopo la riconquista di Kabul i

talebani

hanno cancellato diritti e libertà, imposto al Paese un regime ispirato al fondamentalismo religioso. Le promesse di mantenere lo status quo sul fronte dei diritti civili, in particolare delle donne, di formare un governo inclusivo e non ispirato a una sorta di teocrazia, e dunque di avviare relazioni bilaterali con la comunità internazionale, sono rimaste lettera morta.


 


 


Il più clamoroso voltafaccia, un guanto di sfida al mondo, si è consumato a maggio: il leader supremo talebano Hibatullah Akhundzada in persona ha annunciato il decreto che impone alle donne di

indossare il velo in pubblico

. E non solo: nel testo varato dal ministero della Promozione della virtù e prevenzione del vizio, si invitano le donne "per meglio osservare l'hijab (ovvero per 'celare allo sguardo') è meglio non uscire di casa se non strettamente necessario".


 



Ma per andare dove?

Non a scuola

, perché le ragazze non possono andare alle superiori,

non al lavoro

perché le donne che ancora lavorano lo fanno in pochissimi ambiti consentiti. E

neppure in viaggio da sole

, oltre i 70 chilometri si deve essere accompagnate, così come per prendere un aereo. Le centinaia che hanno scelto di sfidare il regime e protestare in strada sono state appunto picchiate, respinte con gli spari in aria, alcune attiviste di punta addirittura sequestrate.



La restaurazione talebana non si accanisce solo contro le donne

. Nel mirino, avvertono allarmati i rapporti dell'Onu e delle tante Ong straniere rimaste sul campo, anche centinaia tra giornalisti, oppositori, e attivisti. Questi sono nel mirino del temibile Istikhbarat, il direttorato dell'intelligence, accusato dall'Onu in particolare per il trattamento inumano dei prigionieri in custodia. Il decreto di amnistia per i collaboratori dell'ex governo è macchiato del sangue di almeno 160 tra ufficiali di polizia e dell'esercito, ha denunciato l'Onu, che conta 178 arresti arbitrari e 56 denunce per tortura.


 


I testimoni parlano di molti altri "scomparsi nel nulla", i talebani li hanno identificati aprendo gli armadi dei ministeri.

I palazzi del potere sono stati "talebanizzati"

: l'intero governo, i 34 governatori provinciali - tutti uomini, talebani e Pashtun - tirano le fila di un'armata di colletti bianchi che fino a ieri aveva il mitra in mano. Un quadro devastante, largamente anticipato dagli analisti, aggravato tragicamente dalla crisi economica, che i nuovi padroni di Kabul imputano al mancato scongelamento dei miliardi di asset in Usa.


Afghanistan, le donne scendono in piazza contro i talebani: "Riaprite le scuole superiori per le ragazze"

Donne e ragazze afghane, insieme, con cartelli e slogan, si sono ritrovate davanti al ministero dell'Educazione a Kabul per chiedere ai talebani al governo di riaprire le scuole superiori anche alle studentesse. "Non si voltino le spalle alle afghane in questo momento cruciale", è l'appello della ong italiana Intersos dopo che in Afghanistan, dopo mesi di discussioni sulla riapertura delle scuole superiori femminili, i talebani hanno fatto marcia indietro con un nuovo rinvio della decisione. "E' profondamente deludente che, dopo mesi di discussioni e annunci, alle ragazze che speravano di tornare a scuola questo sia stato impedito. L'istruzione è solo uno dei tanti bisogni delle ragazze e delle donne in tutto il Paese ed è fondamentale che né le autorità di governo né la comunità internazionale voltino loro le spalle in questo momento cruciale. C'è troppo in gioco", ha dichiarato Nasr Muflahi, direttore per Intersos in Afghanistan.

Leggi Tutto Leggi Meno


Il Paese è sull'orlo del collasso economico

, con la moneta locale ai minimi storici e i prezzi del cibo in vertiginoso aumento. Oltre la metà della popolazione - il 59% - ha bisogno di assistenza umanitaria: è una catastrofe umanitaria che grava su sei milioni di persone in più rispetto all'anno scorso. Si patisce la fame in in 27 delle 34 province, le stime Onu prevedono un ulteriore peggioramento. A pagarne il prezzo, ancora una volta, sono soprattutto i bambini.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali