FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Afghanistan, accordo sulla pace: intesa tra Stati Uniti e talebani | LʼItalia valuta il ritiro del contingente

Dopo nove anni di colloqui è il più tangibile passo verso la fine della guerra

Dopo una serie di colloqui avvenuti in Qatar, Stati Uniti e talebani hanno raggiunto un'intesa di principio per un accordo sulla pace in Afghanistan. Lo ha affermato al New York Times l'inviato Usa Zalmay Khalilzad, spiegando che gli estremisti hanno promesso di impegnarsi a impedire che il Paese "diventi una piattaforma per gruppi terroristici internazionali". Ciò porterebbe al ritiro delle truppe americane e all'inizio di negoziati talebani-Kabul.

"Abbiamo una bozza che deve essere arricchita prima che diventi un accordo", ha detto l'inviato americano, Zalmay Khalilzad, in un'intervista al The New York Times a Kabul, dopo sei giorni di colloqui a Doha: "I talebani si sono impegnati, con nostra soddisfazione, a fare ciò che è necessario per impedire che l'Afghanistan diventi una piattaforma per gruppi terroristici internazionali o individui".

Il Nyt sottolinea come dopo nove anni di sforzi per ottenere un accordo di pace con i talebani, l'intesa di principio appena raggiunta, sebbene preliminare, è il più tangibile passo verso la fine di una guerra che in due decenni è costata la vita di decine di migliaia di persone e ha cambiato profondamente la politica estera americana.

Il "giallo" del ritiro del contingente italiano - La distensione tra Washington e i talebani ha avuto anche un immediato effetto sull'Italia: fonti della Difesa hanno infatti riferito che il ministro Elisabetta Trenta ha "dato disposizioni al Comando operativo di vertice interforze di valutare l'avvio di una pianificazione per il ritiro del contingente italiano in Afghanistan". L'orizzonte temporale per il ripiegamento dei nostri militari "potrebbe essere quello di 12 mesi". Il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, però, frena: "Lo apprendo adesso che lo avrebbe detto, non ne ha parlato con me", spiega riferendosi alla collega. E assicura che "non appena torno a Roma o non appena dovessi sentire il ministro Trenta, ne riparleremo".

Lega: "Solo una valutazione del ministro" - Dubbi anche dalla Lega. In Afghanistan "facciamo quel che serve per riportare pace e stabilità. Al momento nessuna decisione è stata presa ma solo una valutazione da parte del ministro per competenza".

Il ministero della Difesa però ribadisce e aggiunge: "La richiesta di valutare una pianificazione del ritiro del contingente italiano è stata condivisa con la presidenza del consiglio".

Nato: "Prematuro parlare di ritiro" - "Siamo in Afghanistan per creare le condizioni di una soluzione pacifica negoziata: non lasceremo prima di avere una situazione che ci permetterà di ridurre il numero di truppe, il nostro obiettivo è quello di impedire che il Paese torni ad essere un paradiso sicuro per il terrorismo internazionale". Così il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, sottolineando che "è troppo presto per speculare sul ritiro".

La presenza militare italiana in Afghanistan

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali