FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Aborto, Biden: "Giorno triste per l'America" | Onu: "Un colpo ai diritti delle donne" | Trump: "Volontà di Dio"

Il presidente americano contesta la decisione della Corte Suprema e dà mandato al segretario alla Salute di garantire alle donne l'accesso alla pillola abortiva. Obama: "Attaccate le libertà fondamentali"

biden, corea del sud
Ansa

"Oggi è un giorno triste per la Corte Suprema e per il Paese".

È questo il commento del presidente degli Stati Uniti

Joe Biden

alla sentenza secondo cui la Costituzione non conferisce il diritto all'aborto. La Corte Suprema americana "ha portato via un diritto costituzionale", ha aggiunto Biden, che ritiene "un tragico errore" aver ribaltato la storica sentenza Roe contro Wade. La decisione, spiega, è frutto di una "ideologia estrema" che mette "a rischio la salute e la vita delle donne nel Paese".


L'accesso alla pillola abortiva

 - L'inquilino della Casa Bianca ha anche dato mandato al segretario alla Salute di garantire alle donne

l'accesso alla pillola abortiva

e ad altri farmaci per "l'assistenza riproduttiva" approvati dalla Food and Drug Administration. "Le donne devono rimanere libere di viaggiare in sicurezza in un altro Stato per cercare le cure di cui hanno bisogno", ha aggiunto Biden. "Se una donna vive in uno Stato che vieta l'aborto, la decisione della Corte Suprema non le impedisce di viaggiare in uno Stato che lo consente", ha ribadito.


 


A stretto giro è arrivata anche la reazione della vicepresidente americana 

Kamala Harris

: "La partita non è chiusa, gli elettori hanno l'ultima parola". Critica anche l'

Onu

, secondo cui l'abolizione del diritto ad abortire è "un colpo terribile ai diritti umani delle donne".



Obama: "Attaccata la libertà degli americani" -

 La decisione ha provocato l'indignazione dell'ex presidente Barack Obama, che ha accusato la Corte Suprema di aver "attaccato le libertà fondamentali di milioni di americani".


 


Trump: "È la volontà di Dio" -

 Di tutt'altro tenore il commento di Donald Trump. "È la volontà di Dio", ha affermato l'ex inquilino della Casa Bianca, che ha lodato la Corte Suprema. La decisione "funzionerà per tutti" e significa "seguire la Costituzione e restituire i diritti", ha detto.


Washington, dopo la sentenza contro l'aborto in piazza chi protesta e chi esulta

Non solo le associazioni femministe e per i diritti umani sono scese in piazza dopo la sentenza della Corte Suprema Usa che di fatto rende possibile il divieto all'aborto per i singoli Stati della federazione. Anche le associazioni "pro vita" sono davanti alla Corte per esultare in quella che è una decisione che spacca in due l'opinione pubblica americana.

Leggi Tutto Leggi Meno


 


Macron: "Diritto all'aborto va difeso"

- Sulla vicenda si è espresso anche il presidente francese Emmanuel Macron: "L'aborto è un diritto fondamentale per tutte le donne, bisogna proteggerlo. Esprimo la mia solidarietà alle donne le cui libertà sono oggi rimesse in discussione dalla Corte Suprema degli Stati Uniti".


 


Johnson: "Grave passo indietro"

- Anche Boris Johnson ha condannato la decisione della Corte Suprema, giudicandola "un grande passo indietro". Il premier britannico è stato netto: "Ho sempre creduto nel diritto di scelta delle donne".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali