FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Assetto Corsa punta alla perfezione con il nuovo Competizione

Gli italiani di Kunos Simulazioni danno vita a una delle migliori esperienze di guida disponibili sul mercato

L'Italian Motor Valley digitale si conferma un’oasi felice per lo sviluppo di videogiochi nel nostro paese. Insieme a Milestone, a far rombare i motori con orgoglio è Kunos Simulazioni, che con Assetto Corsa Competizione conferma la sua leadership mondiale nel campo dei simulatori di guida senza compromessi. Dopo quattro anni di aggiornamenti ed espansioni per Assetto Corsa, il team romano si è accaparrato la licenza ufficiale del campionato Blancpain GT Series e ha deciso di sviluppare un nuovo capitolo del suo simulatore dedicato alla competizione motoristica di GT3, dove si sfidano Audi R8, Lamborghini Huracan, Ferrari 488 e tante altre fantastiche auto.

Sono serviti circa otto mesi di rodaggio su Steam in Accesso Anticipato per raggiungere la forma finale, ma finalmente Assetto Corsa Competizione è disponibile la versione completa, al momento in esclusiva su PC e acquistabile sulla piattaforma di download digitale di Valve, che porta su computer tutte le emozioni della manifestazione principale per vetture gran turismo.

Rispetto ad Assetto Corsa, che nel corso degli anni ha accumulato un parco vetture e tracciati vario e molto ricco, la licenza ufficiale Blancpain GT ha reso il nuovo Competizione un prodotto più verticale e con una proposta più limitata, ma maggiormente a fuoco: diciotto vetture e dieci tracciati sembrano pochi, ma sono previsti già aggiornamenti per il prossimo futuro, con il primo, gratuito, che aggiungerà il circuito di Zandvoort e i piloti del campionato 2019 (al momento è riprodotta solo la stagione 2018).

Il vantaggio di una selezione così coerente è la possibilità di offrire una qualità di dettaglio senza pari, con particolare attenzione al comportamento delle auto e ai circuiti, tutti realizzati in Laser Scan, una tecnologia che permette di ricreare in maniera perfetta ogni tracciato, con tutte le asperità e gli avvallamenti presenti anche nelle controparti reali. Per migliorare ulteriormente la qualità del simulatore, Kunos Simulazioni ha scelto di abbandonare il suo motore grafico proprietario per utilizzare Unreal Engine 4, uno dei pacchetti tecnologici più utilizzati per dare dare vita ai mondi digitali più complessi.

Il risultato è che dal punto di vista grafico Assetto Corsa Competizione offre un colpo d’occhio fotorealistico, con bellissimi effetti luce dinamici che si rifrangono sulle carrozzerie di auto che aggrediscono i cordoli sobbalzando e mostrando tutta la loro potenza. Il passaggio a Unreal Engine 4 non è soltanto un vezzo estetico, però, visto che ha permesso a Kunos di migliorare anche la fisica delle vetture, il modello di prestazione degli pneumatici e la simulazione dell’aerodinamica, oltre che di introdurre caratteristiche molto richieste come il meteo variabile e le gare notturne.

Il realismo estremo e le condizioni dinamiche trasformano Assetto Corsa Competizione nell’esperienza di guida più completa disponibile sul mercato. Vista anche la struttura delle Blancpain GT Series si possono disputare gare sprint sotto il diluvio o sotto il sole cocente, ma soprattutto gare di resistenza come la 24 ore di Spa, dove diventa fondamentale abituare l’occhio all’oscurità e modificare i punti di riferimenti sul circuito in base alla visibilità. Eccellente anche la componente sonora, con particolare riferimento alla qualità delle campionature del rombo dei motori e dei suoni delle parti meccaniche dell’auto, che sono mixate in maniera tale da raccontare acusticamente l’atmosfera di una gara con una sinfonia spettacolare che contribuisce a immergere completamente il giocatore nell’abitacolo.

Per godere pienamente di questo spettacolo, però, c’è bisogno di una postazione di guida degna di una simulazione, e quindi almeno di volante e pedaliera. Sono supportati tutti i modelli principali ed è possibile configurare a piacimento sia la sensibilità, sia il ritorno di forza, ovvero la "vibrazione" dello sterzo, fondamentale per sentire al meglio il comportamento della vettura sull’asfalto ed evocare una sensazione di guida assolutamente realistica. Certo, è possibile giocare ad Assetto Corsa Competizione anche con un normale joypad, il cui supporto è buono, ma non ancora ottimo (non si possono ancora configurare i singoli tasti), ma la situazione migliorerà con il corso dei mesi. In ogni caso, la simulazione di Kunos perde un po’ di senso se affrontata con il pad, e anche le prestazioni diventano più opache. Anche su un circuito che si conosce a menadito, affidandosi al controller tradizionale, il tempo su giro peggiora di due o tre secondi nella migliore delle ipotesi, limitando di fatto la godibilità delle gare.

L’altro prezzo da pagare per vivere un’esperienza così verosimile è rappresentato da richieste hardware non esattamente di poco conto. Nonostante le opzioni grafiche consentano di scalare di molto i dettagli e trovare un equilibrio anche su configurazioni non recentissime, per una resa ottimale a risoluzione full HD bisogna mettere in conto almeno un PC da gioco di penultima generazione, equipaggiato con una scheda grafica come NVIDIA GeForce 1070 o equivalente, e 16 GB di memoria RAM.

In termini di modalità, Assetto Corsa Competizione offre una pletora abbastanza usuale di scelte, con gare singole, personalizzate, prove a tempo con la possibilità di sfidare i tempi migliori sul giro degli altri piloti virtuali. Non manca una carriera molto lineare, che parte dai test privati su Lamborghini Huracan, utilizzati dal gioco come tutorial per definire in maniera adeguata il livello sfida e consentire una curva di progressione adatta durante il campionato. Una volta superate le prime prove, il giocatore può creare la propria scuderia e affrontare il resto del campionato con il suo team, concentrandosi però soltanto sull’aspetto di gara.

La pista, intesa come corsa vera e propria, è il fulcro del titolo, anche grazie a un buon lavoro svolto sull’intelligenza artificiale dei piloti controllati dal computer, che sono rocciosi e aggressivi (anche troppo, a volte) nella loro condotta, rappresentando sempre una sfida interessante. Anche la bravura degli avversari, comunque, può essere regolata grazie a due indicatori che permettono di incidere su qualità della prestazione e l’aggressività nei duelli.

Le gare sono sempre divertenti e impegnative, ricche di sorprese e colpi di scena, con un regolamento di gara riprodotto alla perfezione che coinvolge pit stop, giri lanciati e tutto quello che si può vedere abitualmente in un gran premio di Blancpain GT Series. Il massimo della soddisfazione si ottiene chiaramente con le gare in tempo reale (un’ora per le sprint), ma anche riducendo la distanza complessiva è possibile impostare un moltiplicatore temporale in grado di simulare l’evoluzione delle condizioni della pista, delle gomme e della situazione meteo. Per gli eventi di resistenza, invece, è possibile optare per riproduzioni in scala (non inferiori alle tre ore) che metteranno a dura prova anche i piloti più esperti.

In un quadro generale di eccellenza, purtroppo, manca la possibilità di salvare durante un evento, ma siamo abbastanza sicuri che questa funzione arriverà in futuro. L’altro difetto è rappresentato dall’assenza di un modello di danni davvero convincente, con scarso (quasi nullo) impatto estetico, e con ripercussioni meccaniche non sempre in linea con l'accuratezza della simulazione di altri aspetti.

Pur conservando la sua impostazione estremamente simulativa, Assetto Corsa Competizione concede comunque un approccio morbido e graduale a chi vuole immergersi lentamente in un contesto così realistico. È possibile infatti abilitare diversi aiuti, come la traiettoria di guida, il cambio e la gestione della frizione automatici o il controllo della stabilità. Si tratta di aiuti che garantiscono una curva di apprendimento più dolce e mitiga la frustrazione di un modello di guida così realistico da essere a volte punitivo. A questo proposito, una buona notizia arriva proprio dalla licenza, visto che le auto delle Blancpain GT Series sono vetture estremamente avanzate, dotate di un’elettronica molto sviluppata che le rende non impossibili da domare e molto piacevoli da guidare.

La vera sfida è portarle al limite, e per farlo c’è bisogno di girare tanto, imparare a conoscere le differenze tra un modello e l’altro, nonché, chiaramente, memorizzare al meglio i tracciati, adeguandosi di volta in volta alle condizioni della pista. Per riuscirci c’è bisogno di imparare a intervenire anche sull’assetto delle auto, partendo da una delle tre configurazioni di default che offre il gioco. Per farlo serve competenza ed esperienza, però, per fortuna, ad aiutare il giocatore ci sono una serie di consigli utili per comprendere cosa modificare e in che modo.

Uno strumento fondamentale per avere un feedback costante dei progressi al volante è rappresentato da un interessante sistema di rating che analizza lo stile di guida del giocatore in ogni sessione. L’idea alla base è quella di trasmettere i concetti chiave che sono fondamentali anche per i piloti professionisti e che impongono un’attenzione particolare al controllo e alla costanza. In Assetto Corsa Competizione, come su una pista vera, non bisogna avere fretta e per arrivare a ottenere una prestazione interessante c’è bisogno di pazienza e applicazione. Per questo motivo il sistema di valutazione del gioco elargisce punti e stelline proprio privilegiando il passo complessivo e la guida con pochi errori. Ogni tracciato ha una serie di obiettivi che determinano un grado espresso sotto forma di tre stelline.

Queste valutazioni costituiscono anche la base per un sistema più grande che serve a riassumere le abilità di un pilota nelle gare online, per garantire sempre una sfida coerente e, soprattutto, regolare. Una volta scesi in pista sui server di gioco, infatti, ogni errore e ogni contatto viene analizzato e può inficiare il ruolino di marcia personale, riducendo il livello di affidabilità del pilota. Un valore troppo basso può impedire l’accesso ad alcune stanze di gioco e nega quasi certamente la partecipazione alle competizioni ufficiali. L’efficacia di questo sistema di rating sarà da valutare in futuro, ma guidare in controllo e in maniera pulita viene sicuramente premiato, e questa è già una bellissima notizia, soprattutto per un gioco che farà del multiplayer una componente fondamentale nel suo percorso di sviluppo.

Assetto Corsa Competizione è sicuramente la migliore simulazione di guida disponibile sul mercato e riesce a restituire sensazioni comparabili con quelle che si provano su una pista vera. Ci sono ancora difetti da limare, che riguardano il supporto ai visori della realtà virtuale, qualche bug qui e lì che lo rendono un po’ instabile e, in generale, il miglioramento di alcune caratteristiche e l’aggiunta di contenuti.

Non è di certo un gioco per tutti, perché estremamente realistico ed esigente, ma chi ama mettersi alla prova e dispone di un setup adeguato può godere emozioni fortissime e la chance di scendere in pista su circuiti come Monza, Spa o Silverstone sentendosi davvero protagonista di una gara di GT3.



Come lo abbiamo giocato

Abbiamo giocato Assetto Corsa Competizione su due configurazioni: un PC fisso con processore Intel Core i7-8700 e scheda grafica GeForce 1080 GTX e su un portatile ASUS ROG G752-VT dotato di NVIDIA GeForce GTX 980M. Come volante abbiamo utilizzato un Logitech G29, ma abbiamo dedicato qualche ora anche alla guida con il controller Razer Wildcat, affrontando tante gare singole in condizioni diverse, un campionato alla guida di un’Audi R8 LMS e partecipando online a gare veloci casuali, affidandosi all’ottimo matchmaking. Dopo qualche giorno problematico, i server non hanno dato grossi problemi.


Può piacere a chi…
… ama i giochi di guida realistici e impegnativi
… è un appassionato delle Blancpain GT Series
… possiede un PC da gioco recente, volante e pedaliera

Potrebbe deludere chi…
… cerca un gioco di guida immediato
… vuole una carriera complessa con tante automobili complesse
… non dispone di volante e pedaliera

Assetto Corsa Competizione è un gioco adatto a tutte le età.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali