FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Destiny 2, Bungie si gioca il tutto per tutto con lʼespansione di settembre

Abbiamo testato con mano la campagna di Destiny 2: I Rinnegati e la nuova modalità Azzardo. Ecco comʼè andata

Destiny 2, Bungie si gioca il tutto per tutto con l'espansione di settembre

Con l'espansione di settembre, Destiny 2 si troverà di fronte a un bivio cruciale. Il secondo capitolo della saga sparatutto può più sbagliare: lo sa Bungie, lo sanno anche i fan che, dopo la delusione del sequel e dei primi due DLC a pagamento, hanno fissato al 4 settembre l'ultima possibilità per redimere (o condannare definitivamente) il progetto dagli autori di Halo.

Ospiti di Activision all'interno di una stanza privata del Convention Center di Los Angeles, abbiamo provato con mano dapprima la storia della nuova espansione I Rinnegati, per poi accomodarci nello showfloor e testare la novità più succosa del nuovo pacchetto: la modalità Azzardo, interessante fusione tra la modalità PvE (giocatore contro computer) e quella PvP (giocatore contro giocatore) che promette di rivoluzionare il genere degli sparatutto. Ecco le nostre impressioni sulle novità svelate da Bungie.

UN SACRIFICIO CORAGGIOSOPer attirare l'attenzione e convincere anche i fan più scettici del cambio di rotta, a volte bisogna fare dei sacrifici importanti: la scelta della software house di uccidere il personaggio più popolare della saga, il mentore dei Cacciatori Cayde-6, è proprio figlio della volontà di Bungie di riprendersi quella fetta di appassionati delusi dal tono poco serioso e più giovanile che la campagna (prima) e l'espansione La Maledizione di Osiride (poi) hanno dato al franchise, svilendo a conti fatti tutto ciò che gli sceneggiatori avevano costruito con centinaia di storie e leggende costruite nel famigerato Grimorio del primo episodio.

La prima missione de I Rinnegati ci riporterà dunque sull'Atollo, ma in una porzione completamente inedita dello scenario già visto nel capitolo originale, mostrandoci la fuga di otto Baroni di una nuova razza di nemici chiamata Infami da una struttura familiare come la Prigione degli Anziani. In compagnia di Cayde-6, il giocatore dovrà sventare la fuga dei maggiori criminali del sistema solare, arrivando a fronteggiare un'altra vecchia conoscenza della saga: il Principe Uldren, che si scoprirà aver architettato la fuga degli otto Baroni per vendicarsi dell'Avanguardia per la morte della sorella Mara Sov (sparita nel primo capitolo proprio per proteggere i giocatori dagli attacchi di una divinità nemica tra gli Anelli di Saturno). E sarà proprio lo spietato Uldren, primo nemico dalle fattezze umane nella storia della serie, a uccidere l'amatissimo Cayde-6 con sorprendente freddezza, creando nel giocatore un sentimento di rabbia e voglia di rivalsa che sarà alla base della nuova espansione. 

Per quanto le premesse siano senza dubbio buone, lo stesso non può dirsi della struttura della missione, che ambientazione inedita a parte si è confermata più tradizionale del previsto: si corre, si sparano gli alieni cattivi fino a fronteggiare uno o più boss di fine livello e assistere alla scena filmata. Qualche piccola novità marginale, in teoria, ci sarebbe pure: si tratta di una sorta di mini-orda, ovvero un'invasione perenne da parte di truppe nemiche, che si esaurirà solo al completamento di particolari obiettivi. Tuttavia, vista la semplicità degli obiettivi richiesti, non ci è sembrata certamente una innovazione tale da giustificare un cambio di rotta da parte di Bungie.

LIBERTÀ TOTALESe da una parte gli sviluppatori hanno deciso di rifugiarsi sullo stile tradizionale delle missioni a cui siamo abituati ormai da quattro anni, l'azienda ha imparato la lezione quantomento per ciò che riguarda il gameplay: a partire da settembre, infatti, i giocatori di Destiny 2 potranno personalizzare completamente l'equipaggiamento, abbandonando le attuali restrizioni per scegliere quale arma posizionare in uno dei tre slot disponibili. Volete utilizzare tre fucili a pompa? Potrete farlo. Giocare dalla distanza con fucile di precisione, il nuovo arco e lanciarazzi? Potrete fare anche questo. Si tratta di una novità sostanziale che rende la sperimentazione nuovamente divertente, spingendo i Guardiani a tentare nuove strade per raggiungere l'obiettivo nel modo che più riterranno opportuno.

A proposito dell'arco, si tratta di un nuovo archetipo di arma leggendaria che, nella versione da noi testata, era disponibile anche in un'edizione esotica con abilità esclusive, come ad esempio la possibilità per ogni freccia di dividersi in molteplici proiettili traccianti. Dopo una manciata di minuti ad abituarsi al nuovo concept, ci siamo trovati estremamente a nostro agio con la nuova arma, tanto da non averla più abbandonata nel corso del test. Sicuramente un'ottima aggiunta da parte di Bungie, che in combinazione con il rinnovato sistema delle armi promette di aumentare esponenzialmente il divertimento e il fattore novità, che nell'universo di Destiny mancava ormai da tempo.

NON È UN AZZARDOLa vera novità, dicevamo, sarà l'introduzione di una modalità ibrida chiamata Azzardo, che metterà due squadre composte da quattro giocatori ciascuna in competizione per sconfiggere al più presto un nuovo tipo di nemico chiamato Primordiale, nient'altro che un gigantesco boss Corrotto. Le due squadre saranno posizionate all'interno di due arene distinte, ognuna invasa da nemici che, se sconfitti, forniranno una particella. Depositando questa particella all'interno di una struttura centrale, otterrete un punto.

Qui i giochi iniziano a diventare interessanti: ogni giocatore potrà raccogliere simultaneamente al massimo 15 particelle, e dovrà cercare di depositarle al più presto per evitare di perderele in caso di sconfitta: a ogni morte, infatti, perderete tutte le particelle non depositate fino a quel momento. Bungie continua ad aggiungere profondità a questo sistema permettendo di ostacolare la squadra avversaria in base al numero di particelle che depositerete: con 5 particelle, potrete inviare nell'arena avversaria un corrotto leggero, con 10 particelle un corrotto medio, e infine con 15 particelle un corrotto pesante. Lo stesso, ovviamente, potranno fare i vostri avversari per mettervi in difficoltà.

Il bello, però, arriverà a 25 particelle depositate: in questo caso si aprirà un portale che permetterà a un Guardiano di invadere l'arena avversaria, impedendo al contempo di depositare altre particelle al team rivale. L'invasore potrà sabotare la squadra nemica uccidendone i membri del team, ma avrà a disposizione soli 30 secondi prima di tornare alla sua base. La partita procederà su questa falsariga fino al deposito di 75 particelle da parte di una o l'altra squadra: una volta raggiunto, potrete evocare il succitato Primordiale e tentare di sconfiggerlo al più presto possibile. Ma attenzione: evocando il Primordiale abiliterete il portale con cui la squadra rivale potrà invadere la vostra arena, rendendo il tutto molto pepato e divertente.

Dopo aver completato una manciata di partite in questa modalità, non abbiamo dubbi: con Azzardo, Destiny 2 può ambire a risollevarsi dopo un anno difficile e, al netto di altre migliorie come il ritorno delle Imprese e Collezioni, ma anche di nuovi assalti, armi, armature ed equipaggiamento esotico che dovrebbero rendere l'esperienza di gioco ancora più varia e soddisfacente. L'appuntamento è previsto al 4 settembre, quando Destiny 2: I Rinnegati sarà disponibile su PC e console.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali