FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Crescere un campione di eSports": la madre di un pro gamer racconta la sua storia

Christine Yankel racconta di come suo figlio Ethan sia diventato un giocatore professionista e della sua vita da grande appassionata di videogiochi

Essere genitori è un mestiere difficile. Lo è maggiormente quando il proprio figlio decide di far diventare la propria passione una carriera professionale e la situazione diventa ancor più delicata se questa passione sono i videogiochi. Questa è la storia della statunitense Christine Yankel, madre del 18enne Ethan, pro gramer meglio conosciuto come Stratus, ora annoverato la tra le file della Professional Overwatch League (OWL).

Quando Christine ha saputo che suo figlio voleva diventare un professionista degli eSports, ha detto che avrebbe potuto farlo ma solo seguendo "alcune condizioni". Ethan, allora uno studente di 16 anni, doveva ancora finire il liceo, mentre lei e suo marito monitoravano costantemente le sessioni di prova a tarda notte con il team semi-professionale a cui si è unito online.

 

"Sembra ancora surreale per noi", ha detto la donna. “A volte senti dire in giro che alcuni ragazzi diventano pro gamer e per noi è stato come uno di quei sogni lontani, come se tuo figlio fosse diventato un calciatore professionista o un campione di football. È così. "

 

Overwatch - Stratus

 

Ethan, che ora ha 18 anni, è pubblicamente noto con il suo gamertag Stratus, un nome in onore del suo gatto morto, è ora tra una manciata di giocatori d'élite che sono diventati professionisti in Overwatch. Ha firmato lo scorso inverno con il Washington Justice, una delle 20 squadre della Overwatch League (OWL).

 

Christine spiega di aver ricevuto spesso risposte confuse da altri genitori quando raccontava loro della carriera di suo figlio. “Giocatore professionista? Che cosa significa?”, sebbene recentemente abbia notato un notevole cambio d'atteggiamento nei confronti dell'industria del gioco in generale. "Due anni fa, quando Ethan ha iniziato a giocare, esisteva più di una connotazione negativa per gli eSports", ha detto. "Ora, le persone sono diventate più positive perché si tratta di un settore nettamente in crescita e riescono a riconoscere i grandi nomi che si celano dietro molti team."

 

Overwatch - Stratus

 

Per i genitori, fare i conti con un mondo che spesso non comprendono appieno, soprattutto ai massimi livelli, comporta una serie di sfide e per a tal proposito Christine afferma che la partecipazione al primo evento del torneo live di Stratus a Montreal è stato il momento che ha le aperto gli occhi verso la sua potenziale carriera nel settore videoludico. "Una volta che abbiamo visto i fan, il setup, abbiamo incontrato i professionisti facenti parte del team, tutto è diventato molto più reale per noi. Poco dopo, Ethan ha ottenuto un contratto per far parte di una squadra. Sono stati coinvolti tantissimi avvocati e tutto si è trasformato molto rapidamente in un vero lavoro. ”

 

Ethan e Christine capiscono che il gioco fa ormai parte del tessuto della loro famiglia, ma entrambi sanno che la permanenza negli OWL non durerà per sempre, visto che la maggior parte dei giocatori di eSports si ritira infatti verso la fine dei 20 o l'inizio dei 30 anni.

 

Indipendentemente dal suo prossimo passo, Christine dice che continuerà a sostenere qualsiasi cosa su cui i suoi figli lavorino sodo, proprio come è stato con i videogiochi. "Non supporterò solo i loro sogni, ma tutto ciò che permetterà loro di avere un solido piano d'azione per raggiungere obiettivi sperati". E quando lo faranno, noi genitori saremo lì a sostenerli in qualsiasi cosa".

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali