FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Minecraft va in Vaticano: frate apre un server per combattere il cyberbullismo

La curiosa iniziativa di un sacerdote gesuita, che tramite il videogioco di Microsoft e Mojang vuole creare un ambiente di gioco positivo e solidale

Sfruttare il videogioco per creare un ambiente dove riunirsi, collaborare, diffondere messaggi solidali e di inclusione: è questa l'idea di un sacerdote gesuita californiano, Robert Ballecer, il quale ha intenzione di aprire un server del Vaticano dedicato a uno dei giochi più diffusi di sempre, Minecraft.

Lo scopo è di raggiungere, tramite i videogames, una community intenzionata a sposare gli stessi valori di positività, uguaglianza e condivisione, sfruttando il prodotto che più di tutti promuove la medesima filosofia per combattere il cyberbullismo e la tossicità che si "respira" spesso e volentieri nelle community online.

 

La scelta di Minecraft è derivata da un sondaggio proposto da Ballecer su Twitter, con il 64% dei voti che suggerivano al sacerdote di promuovere questa iniziativa sul sandbox creato da Mojang. Una preferenza netta che ha permesso al gioco di superare alternative come Rust, Ark: Survival Evolved e Team Fortress 2.

 

Adesso resta solo da convincere il Vaticano, che valuterà la proposta di padre Robert Ballecer e che dovrà tener conto anche dei consensi di oltre 24mila fan del popolare frate con una passione per l'informatica e i videogiochi.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali