FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Contro le microtransazioni: la nuova etichetta dellʼente PEGI in arrivo sulle copertine dei videogiochi

Il bollino servirà ad avvisare i genitori della presenza di possibili transazioni in cambio di denaro reale

Contro le microtransazioni: la nuova etichetta dell'ente PEGI in arrivo sulle copertine dei videogiochi

Continua la guerra alle microtransazioni nel mondo dei videogiochi: dopo la mossa del Belgio, che ha costretto un colosso come Blizzard ad abolire gli acquisti in-game in cambio di denaro dai suoi giochi, è il turno dell'ente PEGI, che si occupa della classificazione del software in vendita sul mercato europeo.

L'ente ha infatti annunciato un nuovo bollino che sarà applicato alle copertine dei giochi venduti in Europa, che informerà dell'eventuale presenza di transazioni da effettuare spendendo denaro reale.

Il bollino sarà applicato ai prodotti che includeranno microtransazioni entro la fine del 2018 e servirà principalmente a sensibilizzare i genitori che acquistano i videogiochi per i propri figli. Secondo un sondaggio condotto da IPSOS in Europa, delle famiglie intervistate solo 2 genitori su 5 sanno che i propri figli effettuano acquisti all'interno dei giochi utilizzando denaro reale. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali