FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Doom Eternal, uno sguardo esclusivo agli artwork dedicati ai demoni

Come sono nati gli antagonisti del nuovo capitolo della serie sparatutto di Bethesda e id Software? Vi mostriamo i bozzetti in una nuova gallery

Doom Eternal - id Software

Quella di Doom è una saga nota per il suo brutale protagonista, lo spietato Doom Slayer, ma anche e soprattutto per i suoi demoni, gli avversari che il nostro soldato dovrà sterminare per liberare la Terra dalle forze infernali.. In Doom Eternal, il team creativo di id Software si è letteralmente sbizzarrito per creare alcuni nemici tanto accattivanti quanto estremamente letali da affrontare. Ma come sono nati questi demoni? Gli sviluppatori ne hanno parlato a Tgcom24 e Mastergame, mostrando delle immagini esclusive tratte dall'artbook ufficiale.

Partiamo ovviamente con il protagonista, Doom Slayer, ritratto in un fantastico artwork realizzato da Alex Palma: "Il Doom Slayer ha rappresentato una sfida notevole sotto ogni aspetto", commenta l'artista. "Innanzitutto, volevamo preservare il look complessivo dello Slayer di DOOM 2016 aggiungendo però un nuovo 'feeling'. Basandoci su Heavy Metal (il film d'animazione del 1981), sul DOOM classico e su altre iconiche fonti di ispirazione, siamo riusciti a trovare la chiave del look dello Slayer versione DOOM Eternal. Una cosa che amo dell'approccio al lavoro di id Software è che nessuno di noi ha paura di osare e rischiare, se pensiamo che il risultato finale in prospettiva ne valga la pena".

 

Heavy Metal non ha ispirato solo per l'aspetto dello Slayer, ma anche per il fastidioso Flagellante. "Il Flagellante mi ricorda moltissimo il Revenant. Mi piace pensare che siano cugini", ha svelato Palma. "È stata la prima volta che abbiamo provato a dare un corpo di serpente a un personaggio, e non ero per niente sicuro del risultato finale. Ma ispirarsi a La casa ed Heavy Metal è stato ancora una volta salvifico. E adesso non c'è dubbio che il tutto sia perfettamente in linea con l'estetica del gioco".

 

Doom Eternal - id Software

 

Palma è stato l'autore anche del design di altri personaggi rappresentativi del gioco, a partire dall'Icona del Peccato: "Chiunque abbia giocato a un titolo della serie DOOM sa che aspetto ha l'Icona del Peccato", rivela il designer. "La cosa più divertente nel creare l'Icona è stata disegnare un'armatura tecnologica che nascondesse, sotto al metallo, la versione di carne dell'Icona che tutti conosciamo e amiamo". Uno dei progetti più divertenti, per il buon Palma, è stato quello del Mancubus e della sua variante cibernetica. "Il Cybermancubus è stato uno dei demoni su cui mi sono divertito di più a lavorare", commenta. "Ho deciso di provare a rendere omaggio al Mancubus originale che, a livello visivo, non ha mai smesso di terrorizzarmi".

 

Alex Palma, onnipresente quando si tratta di demoni, parla anche di nemici minori, come l'Innescatore: "Volevamo trasmettere al giocatore l'idea che l'Innescatore fosse uno Zombi che esplode all'impatto, così abbiamo optato per una silhouette ispirata alle bombe e alle mine marine", svela, prima di passare al comune Soldato. "Questo modello è un omaggio al classico zombi del DOOM originale (1993). Il direttore di gioco Hugo Martin ha voluto a tutti i costi mettergli i capelli verdi, e il risultato finale mi ha lasciato a bocca aperta: funziona perfettamente, pur essendo al tempo stesso assurdo. Certe cose si vedono solo in DOOM".

 

Doom Eternal - id Software

 

Per Palma, il progetto certamente più impegnativo è stato quello del Razziatore, uno dei nemici più ricorrenti di Doom Eternal: "La grafica del Razziatore è stata impegnativa da definire e mettere a punto, giacché si tratta del nemico per antonomasia del Doom Slayer", commenta Palma. "Durante la produzione abbiamo valutato diverse opzioni come modello, dal 'pistolero infernale' al barbaro e persino il samurai. La versione finale del Razziatore ha finito anche per influenzare la corazza indossata dalle Sentinelle".

 

Palma lascia la parola agli artisti Emerson Tung e Jon Lane, che parlano rispettivamente di due nemici fondamentali: il Tyrant e il Maykr di sangue. "Questa fusione demoniaca di metallo e carne è una citazione del Cyberdemone originale di DOOM (1993)", svela Tung. "Siamo voluti restare fedeli allo spirito e agli elementi grafici dello sprite originale, pur adattandolo all'estetica dei videogiochi attuali. Alcuni fan particolarmente attenti potrebbero anche notare che il teschio del Tyrant è metallico e meccanico, un'esplicita citazione a un certo film d'azione degli anni Ottanta con un cyborg assassino come protagonista".

 

Doom Eternal - id Software

 

Discorso diverso per il Makyr, nuova fazione introdotta dagli sviluppatori, come ci svela Lane: "Il Maykr di sangue, angelo corrotto della razza Maykr, ci fa capire che questa civiltà ha ancora un ruolo da giocare nella guerra tra mondi che infuria in DOOM".

 

È certamente interessante notare le scelte di design dietro ogni singolo aspetto del gioco, non solo per quanto riguarda i nemici, ma anche per le ambientazioni e le armi che fanno parte di un gioco immenso come Doom Eternal e che continuerà a crescere tra pochi giorni, quando arriverà la prima di due espansioni intitolata The Ancient Gods: Part One.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali