FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Valorant, ecco il nuovo sparatutto competitivo dagli autori di League of Legends

Riot Games tenta di dare una scossa a un mercato dominato da Counter-Strike: Global Offensive e Overwatch

Per anni è stato conosciuto per aver dato i natali a League of Legends, ma da qualche tempo Riot Games sta provando a espandere i propri orizzonti con nuovi progetti e nuove idee che esplorino generi diversi, tentando di innovare e, perché no, aggredire altri mercati in cui imporsi. E così la software house con sede a Los Angeles ha finalmente tolto i veli da Valorant, il suo sparatutto competitivo in arrivo la prossima estate in esclusiva su PC.

Di cosa si tratta? Di uno sparatutto che sarà scaricabile gratuitamente, grazie alla consueta formula free-to-play, e vedrà due squadre composte da cinque giocatori ciascuna darsele di santa ragione al meglio di 24 round. Ogni giocatore del team impersonerà uno degli otto personaggi disponibili, degli "Agenti" provenienti da ogni angolo del mondo che lottano per salvare la Terra da una potenziale catastrofe.

 

La modalità di gioco è la classica Cerca e Distruggi, nella quale una squadra dovrà tentare di piazzare un esplosivo nella base nemica, e l'altra dovrà ovviamente difendere e disinnescare le bombe già attive. Il risultato, manco a dirlo, è scoppiettante: a ogni round i giocatori potranno scegliere se acquistare nuove armi e abilità, che vanno ad aggiungersi a quelle già caratteristiche di ciascun personaggio: alcuni potranno rilevare la posizione degli avversari, altri proteggersi creando una parete invalicabile o una bolla impenetrabile, e così via.

 

 

A fare la differenza, però, ci sono le armi: il time-to-kill (il tempo necessario a mandare al tappeto un avversario) è molto basso e conta particolarmente l'abilità con l'arma da fuoco, più che l'arma in sé. Una buona mira, dunque, è imprescindibile per avere la meglio sull'avversario, specialmente sfidando un team coeso e ben organizzato: in tal senso, quello di Valorant è un gameplay molto competitivo che richiede davvero tanta pratica prima di essere padroneggiato al meglio, e proprio per questo non è un gioco adatto a tutti.

 

Conoscere la mappa, imparare a prevedere le possibili azioni dell'avversario e la direzione da cui attaccherà il team nemico, comprendere le migliori armi e abilità per contrattaccare, ma anche come lavorare in sinergia con i propri compagni di squadra sono tutti elementi importanti per dominare nel gioco di Riot Games, che dal canto suo tiene particolarmente alla sicurezza dei propri giocatori e ha deciso di adottare una serie di misure di sicurezza.

 

Valorant, le prime immagini ufficiali

Da Riot Games un nuovo shooter free-to-play dall'anima competitiva in arrivo su PC

 

Sistemi di protezione anti-cheat, tecnologie di nuova generazione per assicurare le massime prestazioni possibili e una distribuzione dei server che dia la possibilità di raggiungere buona parte dell'utenza di tutto il mondo: così Valorant ambisce a sottrarre lo scettro di miglior sparatutto competitivo su PC a due mostri sacri come CS:GO e Overwatch.

 

L'uscita di Valorant è prevista nel corso dell'estate in esclusiva su PC e in formato free-to-play, ma gli sviluppatori non escludono la futura pubblicazione su console in caso di popolarità del nuovo progetto.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali