FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nativi americani, le inquietanti maschere del popolo Navajo di inizio Novecento

Tra il 1900 e il 1915, il fotografo ed etnologo Edward Curtis si impegnò nel ritrarre le tribù indiane, con i loro rituali e le loro tradizioni

"Quello che hai visto ricordalo, perché quello che non hai visto ritorna a volare nel vento". In questo antico proverbio dei nativi americani Navajo si possono leggere molti significati: il grande ciclo della vita e della morte, il valore dell'esperienza, la fratellanza universale, il primato della Natura. Ma, forse, il riferimento più interessante è quello a ciò che "non viene visto". Il popolo Navajo aveva rituali complessi per celebrare questa "invisibilità" agli occhi, questa "festa dell'apparenza" che però era espressione dell'interiorità e dell'anima: le grandi protagoniste di queste cerimonie erano maschere "inquietanti", immortalate in una serie di scatti realizzati agli albori del Novecento.

Nativi americani, le "terrificanti" maschere del popolo Navajo a inizio Novecento

Tra il 1900 e il 1915, il fotografo ed etnologo Edward Curtis ha immortalato decine e decine di nativi appartenenti a varie tribù nordamericane. Tra queste, il popolo Navajo abitava da circa 400 anni vaste aree dell'Arizona settentrionale e dei territori dello Utah e del Nuovo Messico. Al giorno d'oggi il gruppo etnico conta circa 250mila membri: un numero che lo configura come il più numeroso fra i nativi americani.

La mitologia e l'immaginario metafisico non sono rivolti verso l'alto o l'ultraterreno, come per le culture occidentali, ma verso il basso e le originarie forze della profondità terrestre. Da qui la creazione di un pantheon di divinità legate agli elementi naturali, celebrato e tramandato attraverso una serie di rituali.

Fra tutti spiccano le cerimonie e le danze celebrate indossando grandi ed elaborate maschere, realizzate con piume, pelli d'animale, rami d'abete e altri "doni forniti dalla terra". Alcune riproducevano le fattezze dell'essere mitico Tsunukwalahl e venivano utilizzate durante i cosiddetti Balli d'Inverno, riti propiziatori per le ore di luce e i raccolti. Altre erano dedicate al Ganaskidi, dio delle coltivazioni, dell'abbondanza e delle nebbie.

Una tipologia particolare di cerimonie era infine volta a "liberare" il male per renderlo visibile, e quindi vincibile, di fronte a tutta la comunità. E' il caso del rito denominato "Numhlim", che prevedeva l'utilizzo di costumi integrali fatti di pelliccia e di una maschera Hami, che in lingua Navajo indica propriamente una "cosa pericolosa".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali