FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Questo video di Trump contro la violenza nei videogiochi ha fatto arrabbiare il web

Il video-denuncia del presidente americano è stato oggetto di scherno sui social

Ha fatto molto discutere il video mostrato dal presidente americano Donald Trump durante l'incontro con ESA, Entertainment Software Association. A seguito della sparatoria nel liceo di Parkland, in Florida, Trump ha insistito per vedersi con l'associazione che riunisce tutta l'industria videoludica americana per discutere del problema, a suo dire, legato alla violenza nei videogiochi. A sostegno della propria tesi, il presidente avrebbe mostrato un montaggio video con alcune scene di violenza prese da videogiochi famosi (Call of Duty, The Evil Within, Sniper Elite, Wolfenstein) ma del tutto estrapolate dal loro contesto.

Com'era prevedibile, il video è stato oggetto di rabbia e ironia da parte del web, che vede in tutto questo un modo per distrarre dal vero problema di cui soffrono gli Usa: la facilità di accesso alle armi da fuoco. Senza contare che non ci sono studi scientifici a supporto della correlazione fra violenza e videogiochi. Non sfugge, inoltre, l'ironia per cui il filmato mostrato da Trump presenti scene tratte da videogiochi in cui i protagonisti sono americani in lotta contro il dominio fascista.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali