FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Violenza nei videogiochi: Trump incontra lʼindustria americana

Il Presidente degli Stati Uniti incontrerà lʼorganizzazione che si occupa dellʼintrattenimento interattivo americano per scoprire di più sui videogiochi

Violenza nei videogiochi: Trump incontra l'industria americana

In seguito alla dichiarazione di Donal Trump sulla violenza nei film e nei videogiochi (ve ne abbiamo parlato qui), questo giovedì l'Entertainment Software Association (ESA), ovvero l'organizzazione che unisce e promuove tutta l'industria dei videogiochi americana, parteciperà a un incontro col Presidente degli Stati Uniti.

Questa è la dichiarazione dell'ESA che precede il meeting presso la Casa Bianca:

"I videogiochi sono apprezzati in tutto il mondo e studi scientifici attendibili non hanno trovato alcuna connessione tra i giochi e la violenza nella vita reale. Siamo profondamente preoccupati per il livello di violenza armata negli Stati Uniti.

Chiaramente, i videogiochi non sono il problema: gli Stati Uniti sono ad un livello di violenza da armi da fuoco esponenzialmente superiore rispetto a qualsiasi altra nazione.

Il prossimo incontro alla Casa Bianca ci offrirà l'opportunità di parlare delle valutazioni dei videogame, dell'impegno del nostro settore nei confronti dei genitori e degli strumenti che forniamo per fare scelte ponderate per l'intrattenimento".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali