FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nuova versione per gli imballaggi: bolle già scoppiate

I pacchi non saranno più protetti dalle bolle che grandi e piccoli si divertono a scoppiare: lʼazienda produttrice delle Bubble Wrap ha messo in commercio un nuovo modello

Nuova versione per gli imballaggi: bolle già scoppiate

Fine del passatempo per chi ama scoppiare le bolle dell'imballaggio di plastica che protegge i pacchi nelle spedizioni. L'azienda produttrice, la Sealed Air, che vende Bubble Wrap dal 1960, ha una nuova versione dell'involucro protettivo, secondo il Wall Street Journal, ed è senza bolle.

Si chiama iBubble Wrap, la nuova versione che proteggerà dagli urti le nostre spedizioni. Non sarà più un reticolato di bolle d'aria, perché stavolta i rotoli di imballaggio saranno distribuiti piatti e senz'aria dall'azienda produttrice alle ditte di spedizioni. Provvederanno, poi, loro a immettere aria nei fogli piatti con un compressore. In questo modo l'aria intrappolata potrà circolare al suo interno senza più scoppiare se premuta.

A cosa è dovuto questa nuova versione della "carta scoppiettina"? Il motivo è puramente economico: la carta da imballaggio classica è voluminosa e occupa spazio inutile, mentre la nuova versione consentirà di movimentare più materiale per ogni singolo trasporto. Fine di un mito e di un passatempo per l'utilizzatore finale.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali