FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Il quidditch babbano arriva a Firenze: tutto pronto per i mondiali

A ventʼanni dallʼuscita del primo libro di Harry Potter, 29 paesi si contenderanno la coppa dello sport più magico del mondo

La pluffa c'è, i bolidi pure, il boccino d'oro è pronto e anche le scope sono state lucidate. Tutto è pronto per la Coppa del mondo di quidditch 2018. Dopo la scuola di magia e stregoneria di Hogwarts, lo sport praticato da Harry Potter arriva in Italia, precisamente a Firenze dove dal 27 giugno all'1 luglio si disputeranno i mondiali. A contendersi la coppa 29 paesi, tra cui l'Italia, i cui giocatori cercheranno di mettere ko gli avversarsi e acchiappare l'ambito boccino a bordo di scope che però purtroppo non volano. Tgcom24 seguirà l'evento.

I mondiali di quidditch 2016 a Francoforte

I mondiali - Mentre Milano festeggia i vent'anni dell'uscita del primo libro della celebre saga firmata J.K. Rowling con la mostra "Harry Potter: the Exhibition", Firenze è pronta a ospitare la versione babbana dei mondiali dello sport praticato dal maghetto. L'evento è organizzato dalla International Quidditch Association in collabrazione con il gruppo Human Company, leader nel settore del turismo all'aria aperta, e dal Comune di Firenze.

Cinque giorni di magia e divertimento che prenderanno il via dalla cerimonia di apertura del 27 giugno che si terrà in centro a Firenze a cui parteciperanno le autorità fiorentine. Il 28 e il 29 giugno ci saranno gli allenamenti: le squadre dei 29 paesi partecipanti definiranno le ultime strategie in vista delle gare dei mondiali previste per il weekend del 30 giugno. La finale si giocherà domenica 1 luglio: scopriremo chi solleverà la Coppa del Mondo di quidditch. Per cinque giorni nel Campo di Marte di Firenze si potrà respirare la magia di Hogwarts. 

Il quidditch babbano - Nato dalla fantasia di J.K. Rowling, lo sport è giunto nel mondo babbano, quello dei non-maghi, nel 2005. E' nato in un college di Middlebury, nel Vermont (Usa), e nel 2010 è arrivato in Italia dove nel 2013 è nata l'associazione italiana. Nella versione babbana dello sport è tutto reale: niente voli in picchiata, né palle incantate. Si gioca su un vero campo da gioco, grande la metà di un campo da calcio dove si fronteggiano due squadre miste, massimo 4 giocatori per genere, composte da 7 giocatori. Tutti gli atleti in campo giocano a cavallo di scope, i giocatori si dividono in quattro categorie: battitori, portieri, cacciatori e cercatori.

In un gioco misto tra rugby, dodgeball e hockey, i portieri difendono gli anelli dai cacciatori avversari; a loro volta i cacciatori tirano la pluffa - una palla da pallavolo leggermente sgonfia - negli anelli: un gol vale 10 punti; i battitori invece tirano i bolidi - palle da dodgeball -  addosso agli avversari per metterli ko. Poi c'è il cercatore, nella saga era il ruolo di Harry Potter nella squadra di Grifondoro, la cui missione è catturare il boccino d'oro. Nella sua versione babbana, il boccino non vola in aria autonomamente, ma è una palla da tennis che viene infilata in un calzino e attaccata ai pantaloncini di uno snitch runner. Quest'ultimo è un giocatore neutrale, vestito di giallo, il cui compito è proteggere il boccino dai cercatori. La cattura del boccino da parte del cercatore fa guadagnare 30 punti alla sua squadra e sancisce la fine della partita.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali