FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Moda, Harry Styles vestito da donna: ecco perché se ne parla tanto

“Gender fluid”: la strada contro gli stereotipi di genere è tracciata. Ma non ancora completamente accettata

Moda, Harry Styles e i look femminili: dal Met Gala a Vogue Usa

Non è certo la prima volta che Harry Styles indossa abiti femminili. Il cantautore britannico, noto ai più per aver fatto parte degli One Direction, lo aveva già fatto, ad esempio, in occasione del Met Gala 2019, quando è apparso sul red carpet con una tuta nera da donna trasparente, orecchini di perle e unghie laccate. O, ancora, quando per altri eventi ha scelto tacchi alti, collane e colletti riccamente ricamati. A sollevare non poche polemiche sui social è ora la sua presenza sulla copertina di Vogue Usa

SIAMO PRONTI AL GENDERLESS? - Il cantante, che è tra i sostenitori del “gender fluid” (la tendenza a non suddividere rigidamente la moda tra capi maschili e femminili, promuovendone la cancellazione e il match), è infatti il primo uomo ad apparire sulla cover del magazine di moda statunitense, quella del numero del prossimo dicembre. E lo fa indossando una micro giacca da smoking e un vestito da donna, con corpetto e balze in pizzo, creato per lui dall’amico Alessandro Michele, direttore creativo di Gucci. Nel corso della sua intervista rilasciata alla rivista, l’artista ha dichiarato di riuscire a trovare sé stesso in questa dimensione e di provare gioia giocando con i vestiti. Un aspetto che tocca le corde più profonde, certo, ma che allo stesso tempo promuove una vera e propria rivoluzione culturale. Cosa non gradita a tutti. Sui social è montata la polemica: oltre ai commenti sessuofobici, c’è chi grida alla messa in crisi dell’immagine di una mascolinità forte (come l’attivista politica conservatrice Candace Owens su Twitter), chi critica la “costante femminilizzazione dei nostri uomini”, chi chiede maschi più virili e chi bolla l’iniziativa come un vero e proprio “attacco”. La strada contro gli stereotipi di genere è ormai tracciata ma la sensazione generale è che tanto resti ancora da fare per renderla pienamente accettata

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali