FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento
Speciale Elezioni

Regionali Sicilia, al via lo spoglio: sfida fra sei candidati | Proiezioni Tecnè: Schifani (cdx) avanti col 42,3%

Per le elezioni ha votato il 48,62% degli aventi diritto

renato schifani
Ansa

E' cominciato alle 14, in Sicilia, lo scrutinio della scheda verde per l'elezione del presidente regionale e dei 70 deputati dell'Ars.

Sono in sei a correre per la poltrona di Palazzo d'Orleans: Renato Schifani, del centrodestra, Cateno De Luca, della coalizione "De Luca sindaco di Sicilia", Caterina Chinnici, del Pd e della lista "Centopassi", Nuccio Di Paola, del M5s, Gaetano Armao, candidato di Azione e Italia Viva, ed Eliana Esposito, candidata di "Siciliani liberi". Per le regionali ha votato il 48,62% (dato superiore a quello di cinque anni fa quando l'affluenza era stata del 46,75%).

 

Proiezioni Tecnè: Schifani (cdx) avanti col 42,3% - Renato Schifani, che corre per il centrodestra, risulta in testa, con il 42,3% delle preferenze, nelle elezioni regionali in Sicilia. È quanto emerge dalla quinta proiezione elaborata da Tecnè per Mediaset, con copertura campione del 50%. Seguono Cateno De Luca, della coalizione "De Luca sindaco di Sicilia" (24,4%), Caterina Chinnici, del Pd (15,6%), Nuccio Di Paola, del M5s (15,3%), Gaetano Armao, di Azione-Italia Viva (1,7%) ed Eliana Esposito, candidata di "Siciliani liberi" (0,7%).

 

 

Ecco la ripartizione dei seggi: 62 attribuiti con il sistema proporzionale puro e soglia di sbarramento al 5% a livello regionale (16 a Palermo, 13 a Catania, 8 a Messina, 6 ad Agrigento, 5 a Siracusa e a Trapani, 4 a Ragusa, 3 a Caltanissetta e 2 a Enna); 1 seggio spetta al candidato alla Presidenza della Regione eletto e 1 seggio al candidato governatore arrivato secondo nelle preferenze. Infine, 6 seggi vengono assegnati all'interno della lista regionale del candidato presidente (cosiddetto listino): si tratta, in sostanza, di una lista bloccata che funziona da premio di maggioranza e consente alla coalizione collegata al Presidente della Regione eletto di ottenere al massimo 42 seggi all'Ars.

 

I seggi non utilizzati sono distribuiti, con criterio proporzionale, alle liste di minoranza che abbiano superato lo sbarramento. 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali