FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento
Speciale Elezioni

Salvini: "Con la guerra ho cambiato idea su Putin" | Berlusconi: "Su sanzioni a Mosca concordiamo con l'Occidente"

Il segretario leghista, che rilancia l'autonomia più del presidenzialismo, prende le distanze dalla Russia. Il leader di Forza Italia rincara la dose: "Siamo nell'Ue, dobbiamo avere le stesse politiche. Orban? La sua idea di Europa non sarà mai la nostra"

lega, salvini, pontida
Ansa

"La mia opinione su Putin è davvero cambiata durante la guerra, perché quando qualcuno inizia a invadere, bombardare, inviare carri armati in un altro Paese, beh, tutto cambia".

Lo afferma Matteo Salvini a Bloomberg a meno di una settimana dal voto. Quello che per il leader delle Lega, che spinge sull'autonomia, non cambierà è invece la collocazione internazionale dell'Italia. "Per il prossimo futuro, la Cina è il nostro principale competitor - evidenzia -. Dobbiamo temerla perché non è una democrazia ed è pronta ad invadere il mercato europeo con i propri prodotti e merci".

 

Autonomia più del presidenzialismo - Il segno distintivo della Lega in questi ultimi giorni di campagna elettorale è l'autonomia, di cui molto ha parlato, ad esempio, il governatore del Veneto Luca Zaia (ma anche il lombardo Fontana e il friulano Fedriga) nel discorso di domenica dal palco di Pontida. E Salvini raccoglie proprio il testimone dei governatori sull'autonomia per contrapporla al presidenzialismo sognato da Giorgia Meloni. "Il sistema presidenziale è una delle riforme su cui lavoreremo. Ma penso sia più urgente e necessaria la concessione di una maggiore autonomia alle Regioni", mette in chiaro il segretario a Newsmax, sito di informazione vicino alla destra americana. A vantaggio dell'autonomia, ha spiegato, c'è anche il fattore tempo: "Può esser approvata senza modificare la Costituzione", sottolinea.

 

Quella di Salvini sulla collocazione internazionale dell'Italia, è una posizione sposata appieno da Silvio Berlusconi, a conferma dell'unità del centrodestra anche sulla politica estera: "Siamo nell'Europa, nella Nato, nell'Occidente, dobbiamo assolutamente avere le stesse politiche che hanno tutti gli altri Paesi", ha detto il leader di Forza Italia  ospite di SkyTg24, rispondendo a una domanda sulle critiche rivolte dal leader leghista Matteo Salvini sulle sanzioni alla Russia.

 

Elezioni, il raduno della Lega a Pontida

 

"Queste sanzioni certo hanno fatto molto male alla Russia - ha aggiunto - Io sono andato molte volte in Russia per la mia amicizia con Putin e ho potuto notare che per storia e cultura è un paese veramente europeo. Ma oggi si è avvicinata alla Repubblica popolare cinese che è un totalitarismo comunista, il contrario di quello che volevamo. Noi non ci scontreremo nella maniera più assoluta sulle decisioni della Nato, dell'Europa, dell'Occidente ma il dispiacere di vedere una situazione ribaltata rispetto a quella del 2002 - ha concluso - ci addolora profondamente".

 

 

Infine una battuta anche sul premier Ungherese, Viktor Orban, a scanso di equivoci: "Noi siamo la garanzia che l'Italia guarderà a Bruxelles e non a Budapest - afferma Silvio Berlusconi - Dopo di che aggiungo che Orban è un leader democraticamente eletto e merita rispetto, è anche un mio amico ma l'Europa di Orban non è e non sarà mai la nostra Europa". 

 

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali