FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento
Speciale Elezioni

Renzi: "Se destra non ha maggioranza si può riportare Draghi a P.Chigi" | Berlusconi: "Mai chiesto le dimissioni di Mattarella"

La campagna elettorale si infiamma dopo le dichiarazioni di Berlusconi sul presidenzialismo. Intanto è iniziata la corsa a depositare i simboli delle formazioni politiche


combo renzi, mattarella, berlusconi
Tgcom24

Secondo il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, "ci sono due alternative: o vince la destra o si fa un governo di unità nazionale".

Ospite di "

Controcorrente

" su Retequattro, Renzi ha ribadito che "la partita è che se vince nettamente la destra al governo va la Meloni. Se la destra non ha la maggioranza ci sono le condizioni per riportare

Draghi a Palazzo Chigi

". Parlando del

Terzo polo

fondato insieme a Carlo Calenda, il leader di Italia Viva si è detto convinto "serva al Paese".

 


Elezioni, tutti in fila per depositare i simboli al Viminale

Tutti in fila al Viminale per consegnare i simboli in vista delle elezioni del 25 settembre. I primi a entrare e a depositare il proprio simbolo sono stati i liberali del Pli: erano arrivati giovedì sera alle 22 e si sono messi pazientemente in coda. A depositare il simbolo Giulia Pantaleo, tra i giovani volti del partito.

Leggi Tutto Leggi Meno


 


La campagna elettorale entra dunque a regime. I

partiti e i movimenti

hanno iniziato a

depositare al Viminale i contrassegni e i simboli elettorali

in vista delle elezioni politiche del 25 settembre. Per farlo avranno tre giorni, fino alle ore 16 del 14 agosto. L'ordine di deposito è lo stesso che ci sarà sulla scheda elettorale: chi sarà più rapido comparirà in alto.


 


Una giornata contraddistinta da forti discussioni dopo le dichiarazioni di

Silvio Berlusconi

sul presidenzialismo, che è già nel programma del centrodestra. Il leader di Forza Italia ha affermato che in caso passasse la riforma costituzionale sarebbero "necessarie le dimissioni di Mattarella". Una dichiarazione che scatenato la reazione degli avversari politici. 

Letta

ha parlato di "destra pericolosa" mentre e

Conte

ha detto che "con queste parole, il centrodestra ha calato la maschera". Ma

Berlusconi ha precisato di non aver voluto attaccare il presidente della Repubblica

: "Mai chieste le dimissioni di Mattarella, sarebbero necessarie solo per un'elezione diretta" ha specificato.


 



 


Il presidente della Camera

Roberto Fico

ha ricordato che "la nostra è una Repubblica parlamentare. Il nostro Presidente della Repubblica ha un mandato della durata di sette anni. Qualcuno se ne dovrebbe fare una ragione e non trascinare le istituzioni nella campagna elettorale". Dal canto suo la leader di Fdi

Giorgia Meloni

ha definito il presidenzialismo "una riforma seria che è anche economica, grazie alla stabilità si riesce a dare fiducia agli investitori". 


 


La

Lega ha svelato la parola chiave della propria campagna elettorale: "Credo"

, già apparsa in tutta Italia su manifesti senza altri riferimenti politici ma con i colori del logo elettorale (bianco, blu, giallo). La scritta è stata proiettata in quattro luoghi simbolo: porto di Lampedusa, Agenzia delle Entrate e sede Inps di Roma, stazione Centrale di Milano. La Lega ha così voluto sottolineare alcuni suoi cavalli di battaglia: immigrazione e sicurezza, pace fiscale e flat tax, abolizione della legge Fornero e Quota 41.


 


Duro scambio a distanza tra

Mariastella Gelmini

(Azione) e

Nicola Fratoianni

(Sinistra italiana). "Non mi sorprende il tono insultante di Fratoianni, che rimpiange i piani quinquennali e ignora il fatto che anche nelle università, nella ricerca e nella sanità la collaborazione pubblico privato (che si chiama sussidiarietà) ha fatto il bene del Paese, anche in piena pandemia - ha detto in una nota il ministro degli Affari regionali -. Noi, diversamente dai suoi amici, abbiamo scelto l'agenda Draghi, a lui lasciamo volentieri la cultura dei soviet".


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali