FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento
Speciale Elezioni

Elezioni, il Ferragosto delle liste: alta tensione all'interno del Pd

La direzione del Partito democratico, convocata in mattinata, è via via slittata per iniziare solo in tarda serata. E si è conclusa tra polemiche, malumori e scontenti

enrico letta
Ansa

È stato un Ferragosto di tensione, quello vissuto dalla politica: ad agitare le acque è stato il puzzle delle candidature nei collegi ad agitare le acque, soprattutto nel Pd alle prese con le new entry dettate dalle recenti alleanze e gli esclusi, inevitabilmente più numerosi a causa del taglio dei parlamentari che incombe.

E infatti la Direzione Pd per l'approvazione delle liste è più volte slittata, e alla fine è iniziata solo in tarda serata: le liste sono state approvate con 3 voti contrari e 5 astenuti, e con malumori che il vertice ha acuito invece di stemperare.

"Potevo imporre persone 'mie' ma non l'ho fatto perché il Partito è comunità", ha spiegato il segretario Enrico Letta parlando delle scelte fatte con le liste elettorali, e ha sottolineato che "avrei voluto ricandidare tutti i parlamentari uscenti ma è impossibile per la riforma del taglio dei parlamentari ma anche per l'esigenza di rinnovamento". Quindi "ho chiesto personalmente sacrifici ad alcuni. Mi è pesato tantissimo. Quattro anni fa il metodo di chi faceva le liste era: faccio tutto da solo. Io ho cercato di comporre un equilibrio. Il rispetto dei territori è tra i criteri fondanti delle scelte".


 


Letta ha aggiunto di avere un "profondo peso sul cuore per i tanti no che ho dovuto dire. Un peso politico e umano, ma la politica è questo: assumere la responsabilità". Infine un ringraziamento a "quanti spontaneamente hanno fatto un passo indietro, comprendendo l'esigenza di rinnovamento. Grazie a loro scelte di rinnovamento".


 


La lista del Pd vede quindi lo stesso Letta candidato come capolista alla Camera in Lombardia e Veneto, e Carlo Cottarelli candidato come capolista al Senato a Milano. In lista , tra gli altri, anche Il virologo Andrea Crisanti, che sarà capolista nella circoscrizione Europa, e il deputato e costituzionalista Stefano Ceccanti, in lizza al collegio proporzionale in Toscana al quarto posto. Saranno poi capolista anche quattro giovani under 35: Rachele Scarpa, Cristina Cerroni, Raffaele La Regina e Marco Sarracino.


 


La compilazione delle liste però, come ammesso dallo stesso Letta, ha provocato malumori e scontenti all'interno del partito. Tanto che, all'uscita dalla Direzione, la senatrice Monica Cirinnà ha annunciato che "la mia avventura parlamentare finisce qui: domani comunicherò la mia non accettazione della candidatura. Mi hanno proposto un collegio elettorale perdente in due sondaggi, sono territori inidonei ai miei temi e con un forte radicamento della destra. Evidentemente per il Pd si può andare in Parlamento senza di me, è una scelta legittima. Resto nel partito, sono una donna di sinistra ma per fortuna ho altri lavori. Non ho votato queste liste ma credo che anche altri rinunceranno".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali