FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento
Speciale Elezioni

Di Battista chiude ai Cinquestelle e attacca Beppe Grillo: "Fa da padre padrone, sotto di lui non ci sto"

Un lungo sfogo social per spiegare la sua scelta di non correre alle parlamentarie: "Tanti non mi vogliono, di fatto sono stato costretto a lasciare il Movimento". Ma sottolinea che "Conte è un galantuomo". Parole di stima dal presidente del M5s: "Persona autentica e leale"

alessandro di battista
Da video

Alessandro Di Battista spiega perché il suo nome non compare nelle liste delle parlamentarie del Movimento 5 Stelle e si lascia andare a un lungo sfogo social che segna una rottura, forse definitiva, con i pentastellati.

Dopo l'appoggio all'esecutivo guidato da Mario Draghi, bollato come "il governo dell'assembramento", Dibba dice di non fidarsi più "politicamente di

Beppe Grillo

" che "ancora fa da padre padrone e io sotto Grillo non ci sto".

 



 


Nel mirino Grillo, Fico e Di Maio -

Nel lungo video rivolto ai suoi sostenitori, Di Battista racconta il travaglio che lo ha portato alla scelta di non scendere in campo. Una decisione prima della quale ha sentito anche Giuseppe Conte: "È stato molto sincero", "è un galantuomo" e "anche parlando con lui ho compreso che ci sono tante componenti dell'attuale M5s che non mi vogliono".


 


È in particolare con il garante del Movimento, con il presidente della Camera Roberto Fico e con Luigi Di Maio che l'ex 5 stelle se la prende. "Da Grillo passando per Fico

non mi vogliono per una serie di ragioni

- spiega -, forse perché temono il fatto che io sia poco imbrigliabile, che io possa (giustamente) ricordare gli errori politici commessi soprattutto negli ultimi due anni".


 



 


"Creerò un'associazione, continuerò a lavorare da fuori" -

Poi punta il dito contro le interviste rilasciate da esponenti del Movimento sul suo conto: lo dipingevano come "un distruttore tipo Attila", "quando forse i disboscatori di consensi sono stati altri...". Di Battista sostiene di essere stato esortato a candidarsi da "decine di migliaia" di persone ma di aver scelto diversamente per mancanza di sintonia con il resto dell'attuale M5s. Ed ora è pronto a fondare un'associazione per fare politica dall'esterno: "Vedremo dove porterà questo percorso".


 



 


"Mi impedirono di fare il capo politico" -

La rabbia nei confronti degli ex compagni di viaggio, però, è ancora palpabile. C'è chi è pronto a "infilarsi nella sede del Pd per elemosinare un seggio, dopo aver detto peste e corna", l'affondo, "io non sono come queste persone, grazie a Dio". Anche prima dell'addio al Movimento, riferisce di aver "avuto momenti difficili", ad esempio, "quando mi hanno impedito di fare il capo politico del M5s evitando di votare. Non hanno neppure voluto pubblicare i voti degli Stati Generali perché io avevo preso il triplo dei voti di Di Maio", che allora "faceva ancora il ducetto".


M5s, no ai due mandati: ecco i big che dovranno rinunciare alla candidatura

La deroga al tetto dei due mandati nel Movimento 5Stelle non ci sarà neanche per i fedelissimi. Saltano quindi le ricandidature di nomi eccellenti del Movimento come Roberto Fico, Paola Taverna, Alfonso Bonafede, Riccaro Fraccaro, Vito Crimi e Stefano Buffagni. Ecco i nomi altisonanti che non parteciperanno alle elezioni.

Leggi Tutto Leggi Meno


Conte: "Di Battista autentico e leale"

- "Di Battista è una persona che considero un interlocutore autentico e leale". Lo ha detto al Tg2 il presidente del M5s Giuseppe Conte, che spiega di "rispettare la sua scelta" di non candidarsi. "Non condivido tutte le sue opinioni - ha aggiunto - ma posso garantire che il Movimento continua la sua azione sulla base dei suoi principi ispiratori".


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali