FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ue: nel 2018 per la prima volta in tutti i Paesi il deficit scende sotto il 3%

Le previsioni di primavera fotografano una situazione conti incoraggiante, ma lʼItalia è ultima per crescita nel 2018-2019

Ue: nel 2018 per la prima volta in tutti i Paesi il deficit scende sotto il 3%

Secondo le previsioni economiche di primavera della Commissione Ue, per la prima volta nella storia, quest'anno tutti i Paesi dell'Unione europea rispetteranno il tetto del 3% del deficit. Si prevede infatti che la Spagna scenda al 2,6% dal 3,1% del 2017, il Portogallo dal 3% allo 0,9%, la Francia dal 2,6% al 2,3%, mentre la Grecia dovrebbe avere un surplus dello 0,4%.

Deficit Italia all'1,7% - Le previsioni economiche di primavera dell'Ue dicono che in Italia "nel 2018, presupponendo che non ci saranno ulteriori cambiamenti di politiche, il deficit italiano scenderà all'1,7%, sostenuto dalla crescita economica e da alcune misure contenute nel bilancio 2018". E si resterà all'1,7% anche nel 2019 secondo le stime, sempre che non ci siano cambiamenti di policy ed escludendo le clausole sull'aumento dell'Iva.

Nel 2018 avanti con la crescita - Secondo Bruxelles in Europa "la crescita resta forte nel 2018 e si allenterà solo leggermente nel 2019", con aumenti rispettivamente del 2,3% e del 2% dopo il picco record di Pil a +2,4% nel 2017, il più alto da dieci anni. Dopo un raffreddamento a inizio 2018, "il ritmo della crescita si prevede resti robusto sullo sfondo di consumi sostenuti e forti esportazioni e investimenti", mentre nel 2019 "colli di bottiglia diventano più evidenti in alcuni Paesi e settori".

Italia e Gran Bretagna in coda - L'Italia resta però fanalino di coda in Europa per la crescita, la più bassa dei 28 Paesi insieme alla Gran Bretagna. Per entrambi i Paesi il Pil 2018 crescerà dell'1,5% per poi frenare all'1,2% nel 2019. Maglia rosa a Malta (5,8% nel 2018 e 5,1% nel 2019), seguita da Irlanda (5,7% e 4,1%).

Disoccupazione a livelli pre-crisi - I dati fotografano una situazione incoraggiante per la disoccupazione che, dicono le previsioni, "continua a diminuire ed è ora attorno ai livelli pre-crisi", in calo nel 2018 all'8,4% al 9,1% del 2017, verso il 7,9% nel 2019. Anche l'occupazione è record, con "il numero di occupati nell'eurozona al picco più alto dall'introduzione dell'euro" ma, avvertono gli esperti Ue, "restano alcune sacche sui mercati del lavoro". In alcuni Paesi, infatti, "la disoccupazione è ancora alta e in altri i posti di lavoro stanno già diventando più difficili da riempire".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali