FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tegola sullʼeconomia italiana, Fmi taglia le stime di crescita del 2016 tra Pil a+1% e debito che sale

Il Fondo monetario internazionale rivede al ribasso le stime del Def che il Consiglio dei ministri ha approvato qualche giorno fa. Male anche lʼandamento dellʼeuro e del dollaro

Tegola sull'economia italiana, Fmi taglia le stime di crescita del 2016 tra Pil a+1% e debito che sale

Il Pil dell'Italia crescerà quest'anno dell'1% contro l'1,3% previsto a gennaio, mentre nel 2017 salirà dell'1,1% e non dell'1,2% ipotizzato in precedenza. Lo rende noto l'Fmi, che rivede dunque al ribasso pure le stime che il governo ha inserito nel Def solo pochi giorni fa. "La crescita è stata più lenta del previsto in Italia", affermano dal Fondo monetario internazionale.

Dati in contrasto con il Def: anche il debito aumenta - Anche il debito italiano è destinato a salire nel 2016 al 133% del Pil, dal 132,6% del 2015. Secondo l'Fmi, il debito calerà al 131,7% nel 2017, per attestarsi al 121,6% nel 2021. Il debito nel Def è stimato in calo al 132,4% nel 2016 per poi scendere ancora al 130,9% nel 2017.

Il deficit sale del 2,7% - Il deficit italiano salirà quest'anno al 2,7% dal 2,6% del 2015. I tecnici del Fondo monetario stimano un calo all'1,6% solo nel 2017. Nel Def invece il deficit è stimato al 2,3% nel 2016 e all'1,8% nel 2017.

Il tasso di disoccupazione italiano rimane superiore alla media Ue - Anche se il tasso di disoccupazione italiano resterà a due cifre subirà una lieve flessione: si attesterà all'1,4% nel 2016 rispetto all'11,9% del 2015 mentre nel 2017 al 10,9%. Ma è superiore alla media dell'area euro (10,3% nel 2016 e 9,9% nel 2017). Disoccupazione a due cifre anche in Francia, dove il tasso di attesta al 10,1% nel 2016 e al 10,0% nel 2017.

Giù anche la crescita dell'euro e del dollaro - Europa e Stati Uniti crescono meno del previsto. Il Fmi rivede al ribasso le stime di crescita per l'area euro a +1,5% nel 2016 e +1,6% nel 2017, rispettivamente 0,2 e 0,1 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di gennaio. Il Pil americano crescerà quest'anno del 2,4% (-0,2 punti) e il prossimo del 2,5% (-0,1 punti).

Economie avanzate arrancano, fanno meglio quelle emergenti - Complessivamente le economie avanzate cresceranno dell'1,9% nel 2016 e del 2% nel 2017, contro il 4,1% per quest'anno e il 4,6% per il prossimo delle economie emergenti.

Giù il Pil mondiale, "si rischia una stagnazione secolare" - Il Fmi taglia le stime di crescita globali e afferma che "la ripresa globale continua ma sempre più lenta e fragile". L'andamento è "troppo lento" ormai "da troppo tempo". "Restano significativi rischi al ribasso", fra i quali quello di scivolare in una "stagnazione secolare". Il Pil mondiale infatti crescerà quest'anno del 3,2%, ovvero 0,2 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di gennaio. Nel 2017 la crescita accelererà al 3,5% (-0,1 punti percentuali).

L'economia cinese cresce più delle attese - L'economia cinese cresce più delle attese. Il Pil del Dragone salirà quest'anno del 6,5%, 0,2 punti percentuali in più rispetto alle stime di gennaio. Si stima infatti una crescita del 6,2% nel 2017 (+0,2). Continua la sua corsa anche l'India, il cui Pil resta confermato a +7,5% sia quest'anno sia il prossimo. La Russia e Brasile invece frenano. Il Pil russo si contrarrà nel 2016 dell'1,8% (-0,8 punti), per tornare a crescere del +0,8% nel 2017 (-0,2). L'economia brasiliana si contrarrà quest'anno del 3,8% (-0,3 punti) e resterà ferma, come previsto in precedenza, nel 2017.

Terrorismo, guerre, flussi di profughi pesano sulla crescita globale - Il Fmi cita ancora le tensioni globali dovute a scontri politici, terrorismo e flussi di profughi che potrebbero avere "ricadute significative" sulla attività economica mondiale.

Il calo del petrolio potrebbe essere invece un fattore di spinta - Al contrario, potrebbe essere un fattore di spinta della crescita il calo del petrolio, la cui altra faccia della medaglia è quella di un possibile rilancio della spesa dei consumatori nei Paesi importatori.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali