FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tav, i costruttori avvisano: "Se Roma ferma lʼopera paga penali milionarie"

Il presidente dellʼAnce, Gabriele Buia: "Eʼ a rischio lʼimmagine dello Stato. Non si può che ogni volta, a ogni cambio di governo, si veda e si riveda l`opera"

Tav, i costruttori avvisano: "Se Roma ferma l'opera paga penali milionarie"

"Per noi Tav sì, assolutamente sì. Non si può che ogni volta, a ogni cambio di governo, si veda e si riveda l'opera". Lo ha affermato il presidente dell'Associazione nazionale costruttori edili, Gabriele Buia. "Abbiamo preso accordi internazionali che vanno onorati, con Francia e Ue. Ci sono due miliardi da pagare come penale per la mancata realizzazione e non arriverebbero più in Italia i 3 miliardi e 800 milioni già stanziati dalla Ue", ha precisato.

In un'intervista rilasciata a La Stampa, Buia ha sottolineato che non si tratta di "un discorso corporativo di noi costruttori. Abbiamo lottato perché il corridoio 5 non passasse in Svizzera, più a Nord. Se non la si fa si mette a repentaglio anche l'immagine dello Stato. Chi vorrà mai più venire in Italia a investire?".

Penali e risarcimento - Sulla possibilità di richieste di risarcimento o di azioni legali, il presidente dell'Anci ha precisato: "Io non so come sia la situazione contrattuale. Se ci fossero dei contratti interrotti, sì. I lotti in Italia mi risultano finiti. Diverso è il discorso risarcimento, che l'Italia dovrebbe pagare alla Francia e all'Europa. Ci sono i due miliardi da pagare come penale per la mancata realizzazione e soprattutto non arriverebbero più in Italia i 3 miliardi e 800 milioni già stanziati dalla Ue per le infrastrutture in Italia. Non dimentichiamoci che ci sono anche 50mila posti di lavoro".

"Investimento sulle infrastrutture è un intervento sociale" - "Non entro nel merito dell'analisi costi-benefici fatta dal governo - ha aggiunto Buia -. Ma se negli anni Sessanta ci fossimo basati solo su questa analisi, non avremmo mai fatto l'Autostrada del Sole e senza quella oggi saremmo un Paese morto. L'investimento infrastrutturale è prima di tutto un intervento sociale. Le infrastrutture sono alla base della crescita di qualsiasi Nazione".

Le altre opere da portare a compimento - Secondo Buia, le altre opere importanti da portare a termine in Italia sono "la Gronda di Genova, tanto più necessaria dopo il crollo del Ponte Morandi, l'Alta Velocità Brescia-Padova di cui se ne parla addirittura dal 1991 e la messa in sicurezza della A24 dei Parchi".

La messa in sicurezza delle infrastrutture - Ed è proprio la messa in sicurezza delle infrastrutture un altro punto dolente che ha sottolineato Buia: "L'Italia ha bisogno di un piano, il dissesto idrogeologico in cui versa il nostro Paese provoca, come ben sappiamo, anche delle vittime".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali