LA SENTENZA

Spiagge, dal Consiglio di Stato arriva lo stop alle deroghe sulle concessioni: "Subito le gare"

Nella sentenza è contestato il fatto che la risorsa spiaggia non sia scarsa, tesi invece sostenuta dal governo nella mappatura inviata a Bruxelles

01 Mag 2024 - 14:54

Il Consiglio di Stato ha confermato la scadenza delle concessioni demaniali per le spiagge al 31 dicembre dello scorso anno, obbligando così le amministrazioni a disapplicare eventuali deroghe. Nella sentenza si richiama "ai principi della Corte di Giustizia Ue" per dare "immediatamente corso alla procedura di gara per assegnare la concessione in un contesto realmente concorrenziale". Inoltre, si sottolinea che la risorsa spiaggia "è scarsa".

© Tgcom24

© Tgcom24

La sentenza del Consiglio di Stato riguarda un ricorso del 2023 di un proprietario di uno stabilimento balneare a Rapallo. I giudici si richiamano ai "principi della Corte di Giustizia Ue, 20 aprile 2023, e a tutta la giurisprudenza europea precedente di dare immediatamente corso alla procedura di gara per assegnare la concessione in un contesto realmente concorrenziale".

Di conseguenza sottolineano l'obbligo per i comuni di disapplicare le deroghe confermando la scadenza delle concessioni al 31 dicembre dello scorso anno. Inoltre nella sentenza è contestato il fatto che la risorsa spiaggia non sia scarsa, tesi invece sostenuta dal governo nella mappatura  inviata a Bruxelles e portata a motivo della mancata applicazione della direttiva Bolkenstein.

La mappatura delle concessioni balneari

1 di 1
© Withub © Withub

© Withub

© Withub

Fonti FdI: "Mappatura seria, in corso interlocuzione con l'Ue"

 "La mappatura delle coste, svolta nei mesi scorsi dal tavolo tecnico sulla base dei dati forniti dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è frutto di un lavoro serio che ha visto coinvolti tutti i ministeri competenti. I risultati di tale lavoro sono oggetto dell'interlocuzione in corso tra il governo e la Commissione europea, volto a superare la procedura di infrazione e a definire una norma di riordino dell'intero settore che dia certezza agli operatori e alle amministrazioni locali". Così fonti di FdI dopo la sentenza del Consiglio di Stato sulle concessioni balneari.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri