FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Settore auto, ad aprile sciopero a Torino per chiedere il rilancio

Si fermeranno i lavoratori di Stellantis e dell'indotto

Settore auto, ad aprile sciopero a Torino per chiedere il rilancio - foto 1
ansa

Entro la prima metà di aprile i lavoratori torinesi di Stellantis e dell'indotto si fermeranno per chiedere la salvaguardia e il rilancio del settore auto.

Lo ha deciso l'assemblea dei delegati di Fim, Fiom, Uilm, Fismic, UglM e associazione quadri che ha proclamato uno sciopero provinciale di 8 ore con manifestazione. I sindacati chiedono un impegno concreto affinché vengano portate nuove produzioni a Torino.

 

Settore auto, ad aprile sciopero a Torino per chiedere il rilancio - foto 2
Tgcom24

 

La mobilitazione "sarà organizzata con l'obiettivo di sensibilizzare le istituzioni locali, il governo e il sistema industriale automotive sulla profonda crisi che sta attraversando il settore auto a Torino. Il tavolo automotive e quelli di crisi al Mimit non hanno ancora dato risposte adeguate", sottolineano i sindacati.

 

Nel corso delle prossime settimane, le organizzazioni sindacali svolgeranno le assemblee dei lavoratori in tutte le aziende del comparto automotive. Alla manifestazione provinciale di aprile è prevista la presenza dei segretari nazionali.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali