FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scandalo Dieselgate, un altro dirigente Volkswagen arrestato in Usa

Oliver Schmidt, ex responsabile del dipartimento che gestiva le questioni regolatorie, è stato fermato dallʼFbi con lʼaccusa di aver partecipato alla frode sulle emissioni

Proprio quando si credeva di essere arrivati a un accordo risarcitorio tra Volkswagen e le autorità americane, il caso Dieselgate torna a colpire l'azienda tedesca. Il 7 gennaio, l'Fbi ha fermato un altro dei suoi manager: si tratta di Oliver Schmidt, responsabile dal 2014 al marzo 2015 della sezione della casa automobilistica tedesca che gestiva le questioni regolatorie in Usa. Secondo il "New York Times", che riporta la notizia, l'uomo è stato arrestato con l'accusa di essersi attivato per nascondere il reale livello di inquinamento delle auto ai controllori americani.

Lo scorso settembre, la casa tedesca ha riconosciuto l'errore di aver montato su 11 milioni macchine a motore diesel, di cui 600mila in Usa, un software che falsava il livello reale di emissione di gas inquinanti per far sembrare i propri veicoli più "ecologici" di quanto non lo fossero realmente. Raggiunse, dunque, un'intesa da quasi 15 miliardi di dollari a ottobre, che prevedeva il riacquisto dei veicoli immessi sul mercato con centraline inadeguate e la riparazione, con restituzione ai clienti, di quelli che potevano essere riportate a "norma" dopo il passaggio in officina.

Sempre secondo il "New York Times", l'Fbi sospetta che Oliver Schmidt abbia avuto un ruolo chiave nei tentativi dell'azienda di nascondere ai controllori americani questa macchinazione. Verrà interrogato nella giornata del 9 gennaio. Resta da capire adesso se questo arresto riporterà in altomare l'intesa che la casa tedesca aveva stabilito con le autorità americane

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali