FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Recovery Plan, l'Italia consegna la bozza alla Commissione Ue

Da Bruxelles fanno sapere che il piano nazionale non può arrivare prima dellʼentrata in vigore del regolamento del Recovery fund, prevista per metà febbraio

Commissione Ue bandiera
dal-web

L'Italia ha consegnato la bozza del Recovery Plan alla Commissione Ue, diventando così il dodicesimo Stato membro a inviare a Bruxelles la versione (non definitiva) del Piano nazionale di ripresa e resilienza. Gli altri Paesi ad aver avanzato la richiesta dei finanziamenti Ue (sovvenzioni e prestiti) loro assegnati sono Portogallo, Grecia, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Spagna, Germania, Croazia, Repubblica Ceca, Francia e Slovacchia.

In questa fase, precisano dall'Ue, si tratta ancora di una interlocuzione informale tra governi e Commissione, perché il piano nazionale di Recovery propriamente detto non può arrivare prima dell'entrata in vigore del regolamento del Recovery fund, prevista per metà febbraio. 

 

 

Il Fondo Rrf ("Dispositivo per la ripresa e la resilienza") finanzierà progetti di investimenti e di riforme articolati su sei pilastri: 1) transizione verde; 2) trasformazione digitale; 3) crescita e occupazione intelligenti, sostenibili e inclusive; 4) coesione sociale e territoriale; 5) salute e resilienza; 6) politiche per la prossima generazione, infanzia e giovani, istruzione e competenze. I piani per la ripresa e la resilienza dovranno inoltre rispondere in modo efficace alle "Raccomandazioni specifiche per Paese", che la Commissione presenta rispetto a ciascuno Stato membro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali