FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Pil, lʼIstat rivede la stima al ribasso: nel 2018 +0,9% | Frenano consumi ed export, rallentano investimenti

Nel 2018 il debito pubblico italiano è salito al 132,1% del Pil contro il 131,3% dellʼanno precedente

Pil, l'Istat rivede la stima al ribasso: nel 2018 +0,9% | Frenano consumi ed export, rallentano investimenti

L'economia italiana nel 2018 è cresciuta dello 0,9%, in netto rallentamento rispetto al +1,6% del 2017. Lo comunica l'Istat rivedendo al ribasso la stima preliminare di un aumento del Pil pari all'1%. Il nuovo dato è inferiore alle previsioni del governo di fine dicembre, che indicavano per il 2018 una crescita dell'economia dell'1%.

In base alle nuove stime, l'istituto di ricerca ha quindi calcolato che nel 2018 il debito pubblico italiano è salito al 132,1% del Prodotto interno lordo contro il 131,3% del 2017. A dicembre il governo aveva previsto per il 2018 che il debito si attestasse invece al 131,7%.

Migliora invece il deficit - Secondo i dati diffusi dall'Istat nel 2018 il rapporto deficit/Pil è sceso al 2,1% rispetto al 2,4% dell'anno precedente con un saldo primario positivo e pari all'1,6% del Pil rispetto all'1,4% del 2017.

Il peggioramento del Pil è legato in gran parte al "netto ridimensionamento" del contributo della domanda interna e in particolare dei consumi. L'Istat ha quindi sottolineato che la spesa delle famiglie residenti in Italia è cresciuta nel 2018 dello 0,6% contro il +1,5% del 2017. A frenare è stato anche l'export, cresciuto dell'1,9% contro il +5,9% del 2017. In decelerazione infine anche gli investimenti, passati da un aumento del 4% nel 2017 al +3,4% del 2018.

Pressione fiscale stabile - Nel 2018 la pressione fiscale misurata in rapporto al Prodotto interno lordo è rimasta stabile al 42,2%, allo stesso livello del 2017. Nell'aggiornamento delle stime macroeconomiche pubblicato a dicembre, il governo aveva previsto che la pressione fiscale si attestasse nel 2018 al 41,9%.

I conti nazionali

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali