FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

  • Tgcom24 >
  • Economia >
  • Petrolio, il prezzo del barile giù del 53%: ma la benzina resta troppo cara

Petrolio, il prezzo del barile giù del 53%: ma la benzina resta troppo cara

In un anno il valore del greggio è calato della metà, mentre il costo del carburante è sceso solo del 14%. Verde e diesel costano 6 cent di troppo

- Il prezzo del petrolio crolla ma la benzina resta troppo cara. Dall'1 gennaio 2014 il costo di un barile di greggio è calato del 53%, mentre le tariffe della benzina sono state tagliate soltanto del 14%. Come riporta La Stampa, secondo i dati di Nomisma Energia, che calcola ogni giorno il "prezzo ottimale" di benzina e gasolio sulla base del margine lordo per litro in 24 mesi e del prezzo dei carburanti sul mercato internazionale, in Italia benzina e gasolio costano circa 6 centesimi di troppo (5,9 e 6,1).

Petrolio, il prezzo del barile giù del 53%: ma la benzina resta troppo cara

Sui listini dei carburante pesano tante tasse che riducono l'effetto del crollo verticale del prezzo del barile. Di conseguenza non ci si può aspettare un calo dei costi pari a quello del greggio. Tuttavia i dati Nomisma indicano che il prezzo dei carburanti tarda fin troppo ad adeguarsi al ribasso del petrolio.

La colpa di questo ritardo non è dei benzinai: il loro margine di guadagno pesa pochissimo sul prezzo finale. Secondo l'Up, invece, che riunisce le compagnie petrolifere, il ministero dello Sviluppo economico stima un prezzo medio dei carburanti più basso, quindi i dati di Nomisma andrebbero rivisti. "Il prezzo industriale di benzina e gasolio in Italia è sostanzialmente allineato coi prezzi europei", rivendica l'Up.

Come difendersi - Eppure il prezzo di un litro petrolio in un anno è passato da 0,49 euro a 0,28, mentre il margine lordo sul prezzo finale del carburante è aumentato da 0,199 a 0,235 euro al litro. Secondo Davide Tabarelli, presidente di Nomisma, sentito da La Stampa, gli automobilisti devono tutelarsi scegliendo attentamente i distributori presso cui rifornirsi.

"In passato - dice Tabarelli - i listini variavano entro un margine di dieci centesimi. Oggi si arriva a 40. Stando attenti si può pagare 1,30 euro un litro di gasolio e 1,40 un litro di benzina, ma se non ci si bada si arriva a spendere 1.70 per il diesel e 1.80 per la verde". "Certi distributori no-logo - continua Tabarelli -, di solito considerati i meno cari, fanno pagare di più. La garanzia del risparmio si ha nelle stazioni di servizio dei supermercati e quando le compagnie fanno delle promozioni".

Invia commento

Ciao

Esci Disclaimer

I vostri messaggi

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

X
TAG:
Petrolio
Benzina
Gasolio
Prezzi
Nomisma