FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Oltre 400.000 le persone che non possono permettersi farmaci

Ai livelli del 2014 il numero delle persone bisognose di medicinali, ma cresce il numero di confezioni richieste

Oltre 400.000 le persone che non possono permettersi farmaci

Nel corso del 2015 la richiesta di farmaci da parte degli enti caritativi è crescita del 6,4%. L'aumento non è però dettato da un aumento delle persone che non possono acquistare farmaci ma all'aumento delle confezioni stesse.

Infatti, secondo il Banco Farmaceutico, mentre il numero delle persone sarebbe rimasto invariato rispetto allo scorso anno a 405.423 unità, le confezioni richieste sono passate dalle 818 mila del 2014 alle 870.352 del 2015: appunto il 6,4% in più.

Anche se non aumenta il numero complessivo, tra i richiedenti aumenta dell'1,9% il numero degli italiani mentre scende la componente degli stranieri, che rimangono comunque la quota più consistente (55%). I primi sono, infatti, passati da 179mila unità a 182.400, i secondi sono invece scesi dai 230 mila del 2014 ai 222.982 dell'anno in corso.

Dall'analisi emerge poi che la fascia di età che beneficia più dei farmaci è quella dei 18-64enni (il 58,2%) segue quella degli over65 (con il 23,6%), mentre quella dei bambini è quella che ne beneficia meno (il 18,2%).

Elaborando poi i dati dell'Istat, la Fondazione Banco Farmaceutico ricorda che nel nostro Paese la spesa sanitaria annua pro capite è di 444 euro, una cifra che scende a 69 euro nel caso della popolazione più povera.

In particolare, mentre in media la spesa farmaceutica italiana pro capite si attesta a 206,20 euro, quella di ogni individuo povero scende a 52 euro l'anno (il 2,1% in meno rispetto allo scorso anno). Senza contare che nel 2015 il 3,9% degli italiani, per motivazioni economiche, non ha acquistato farmaci.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali