FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La spesa energetica delle famiglie, divise tra mercato libero e mercato tutelato

Nel 2013, gli italiani hanno sborsato 43 miliardi di euro per i consumi energetici

La spesa energetica delle famiglie, divise tra mercato libero e mercato tutelato

C'è chi – si veda Nomisma Energia, ad esempio – sostiene che il libero mercato dell'energia conviene. Tante sarebbero, infatti, le offerte che consentirebbero ai clienti di risparmiare qualche euro sulla spesa per i consumi energetici.

Secondo un rapporto condotto da Nomisma Energia, il mercato libero dell'energia conviene. Il consumatore, approfittando delle tante offerte a disposizione, può scegliere tra una pluralità di contratti e di offerte, alcune delle quali – osserva il report – consentono di risparmiare, rispetto al mercato tutelato, fino a 71 euro all'anno sulle bollette elettriche e 107 euro su quelle del gas. Abbastanza da convincere molti utenti a passare dal mercato tutelato a quello libero: nel 2014 erano 1,3 milioni in più per l'elettricità e 1,7 milioni in più per il gas rispetto all'anno precedente.

Alla fine del 2014, 9 milioni di famiglie e 3,5 milioni di imprese – che rappresentano circa un terzo del totale di 37,2 milioni di clienti, come osservato dallo studio – avevano deciso di passare al mercato libero dell'elettricità. Dati in linea con quelli relativi al mercato libero del gas, dove – sempre al termine dello scorso anno – erano presenti 5,8 milioni di famiglie e 1,4 milioni di imprese: un terzo della clientela complessiva, composta da 21,6 milioni di utenti.

Dunque il libero mercato consentirebbe agli italiani di risparmiare qualche euro sulla spesa energetica. Spesa energetica che, secondo i più recenti dati Istat, ha superato i 42 miliardi di euro complessivi nel 2013, con una spesa media a famiglia pari a 1.635 euro. L'esborso per i consumi energetici è strettamente connessa alla dimensione del nucleo familiare, osserva l'Istat. La bolletta energetica, infatti, cresce all'aumentare del numero dei componenti: lo scorso anno, un nucleo familiare mono-componente ha speso così 1.358 euro contro i 2.102 delle famiglie con 5 o più componenti.

Complici le condizioni climatiche, il luogo di residenza incide molto sulla spesa energetica delle famiglie italiane. Quelle residenti al Nord-est e al Nord-ovest, con un esborso medio, rispettivamente di 1.872 e 1.790 euro l'anno, spendono circa il 30% in più rispetto ai nuclei familiari che vivono nelle regioni meridionali (1.387 euro).

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali